Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Bisogno di isolarsi? quanto mi devo preoccupare?

Salve a tutti, vorrei un parere circa il comportamento di mio figlio autistico ad alto funzioamento ormai quattrenne.
Sia ieri mattina che oggi ha salutato me e il papà dicendo di voler stare da solo.
Entrambe le volte era sul letto e si rotolava tra i cuscini parlando da solo .
Oggi gli ho chiesto perché volesse stare da solo e mi ha detto : devo giocare con la signora che pettina i capelli.
Dopo un attimo di smarrimento ho capito facendogli qualche domanda che si riferiva ad una youtuber che fa video per bambini che a lui piace molto.
Insomma non so che pensare,questa cosa mi ha preoccupata non poco.
Premetto anche lui con noi gioca volentieri,siamo entrambi genitori presenti.
Non so che pensare...a voi è mai capitato?
Come mi dovrei comportare?
«13

Commenti

  • LupaLupa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 623
    Io non ci vedo nulla di strano in ciò che fa tuo figlio, mi pare un gioco di immaginazione e, senza sapere nulla di bambini, mi pare che sia presente in tutti, NT e ND. Anzi, forse alcuni ND fanno più fatica a immaginare situazioni sociali anche con personaggi di fantasia. Lui sa che la signora che pettina i capelli non è realmente lì?
    Senza alcuna pretesa di darti consigli credo che per voi genitori la cosa più difficile sia trovare la giusta misura tra spingere i figli verso ciò che è "scomodo" (interazioni sociali, giochi con coetanei e persone in carne e ossa per fare esempi) e lasciare loro i momenti svago e relax che preferiscono. Se tuo figlio non si rinchiude in questo gioco isolandosi per gran parte del tempo e questo gioco non ha caratteristiche preoccupanti perché preoccuparsi appunto?
    mamma_francescachiocciolina
  • gufomatto79gufomatto79 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 779
    Io ho lascerei del tempo era fare questo gioco visto che con voi gioca volentieri. Probabilmente non vuole condividerlo con nessuno. Magari nel tempo potresti inserirti chiedendo qualcosa sul gioco però facendo finta di passare di lì e chiedere per caso.
    chiocciolina
  • chiocciolinachiocciolina Veterano
    Pubblicazioni: 456
    Lupa ha detto:

    Io non ci vedo nulla di strano in ciò che fa tuo figlio, mi pare un gioco di immaginazione e, senza sapere nulla di bambini, mi pare che sia presente in tutti, NT e ND. Anzi, forse alcuni ND fanno più fatica a immaginare situazioni sociali anche con personaggi di fantasia. Lui sa che la signora che pettina i capelli non è realmente lì?
    Senza alcuna pretesa di darti consigli credo che per voi genitori la cosa più difficile sia trovare la giusta misura tra spingere i figli verso ciò che è "scomodo" (interazioni sociali, giochi con coetanei e persone in carne e ossa per fare esempi) e lasciare loro i momenti svago e relax che preferiscono. Se tuo figlio non si rinchiude in questo gioco isolandosi per gran parte del tempo e questo gioco non ha caratteristiche preoccupanti perché preoccuparsi appunto?
    Forse vedo del male anche dove non c'è ma ormai sono entrata nel vortice della mamma ansiosa che analizza ogni cosa fa e dice il suo bambino.
    Mio marito poi si è allarmato tantissimo tant'è vero che ha fatto di tutto per distoglierlo dal suo gioco.
    Ho paura che mio figlio venga come dire risucchiato dalla sua realtà alternativa fatta di personaggi della tv o dei libri.
    Lui ha ecolalia e ripete spesso storie dei cartoni e mi è stato detto dai terapisti di interrompere l'ecolalia e di distrarlo portandolo su un altro interesse.

  • Sissolina92Sissolina92 Membro
    Pubblicazioni: 83
    Diciamo che alcuni asperger bambini di cui sento parlare o hanno un interesse assorbente tipo pc o telefono che non glielo togli nemmeno per misericordia e alcuni si portano il pc anche al supermercato e esprimono proprio il fatto che di socializzare non gliene frega niente e lì mi dispiace è un problema o hanno come poi permane anche in età adulta ed è capitato anche a me in adolescenza di volare con la fantasia disconnessa dal mondo isolandomi e li i miei genitori si allarmavano tanto che a volte mi toglievano il pc o l'mp3 perchè ero proprio di più che a fatti miei. Perciò io troverei attività stimolanti anzichè guardare una tizia che si pettina i capelli il cui scopo è quello di "condividere". Non voglio demonizzare la tecnologia ma visto l'inclinazione che hanno gli asperger per quanto riguarda l'alienazione, isolamento e ossessioni io eviterei quanto possibile
    chiocciolina
  • gufomatto79gufomatto79 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 779
    chiocciolina ha detto:

    Lupa ha detto:

    Io non ci vedo nulla di strano in ciò che fa tuo figlio, mi pare un gioco di immaginazione e, senza sapere nulla di bambini, mi pare che sia presente in tutti, NT e ND. Anzi, forse alcuni ND fanno più fatica a immaginare situazioni sociali anche con personaggi di fantasia. Lui sa che la signora che pettina i capelli non è realmente lì?
    Senza alcuna pretesa di darti consigli credo che per voi genitori la cosa più difficile sia trovare la giusta misura tra spingere i figli verso ciò che è "scomodo" (interazioni sociali, giochi con coetanei e persone in carne e ossa per fare esempi) e lasciare loro i momenti svago e relax che preferiscono. Se tuo figlio non si rinchiude in questo gioco isolandosi per gran parte del tempo e questo gioco non ha caratteristiche preoccupanti perché preoccuparsi appunto?
    Forse vedo del male anche dove non c'è ma ormai sono entrata nel vortice della mamma ansiosa che analizza ogni cosa fa e dice il suo bambino.
    Mio marito poi si è allarmato tantissimo tant'è vero che ha fatto di tutto per distoglierlo dal suo gioco.
    Ho paura che mio figlio venga come dire risucchiato dalla sua realtà alternativa fatta di personaggi della tv o dei libri.
    Lui ha ecolalia e ripete spesso storie dei cartoni e mi è stato detto dai terapisti di interrompere l'ecolalia e di distrarlo portandolo su un altro interesse.

    L'ecolalia è un modo per imparare a parlare. Io lo sperimento ogni giorno con mia figlia. Cerco di entrare e partecipare il più possibile. All'inizio non voleva ma col tempo le ha iniziato a far piacere. Unica cosa. Devi lasciare a lui il comando e tu seguirlo nel suo gioco. Allora piano piano col tempo riesci ad entrare. Puoi provare a variare o a fare una domanda e vedere come ti risponde. Ma non incalzare e non voler cambiare subito il suo schema. L'ecolalia non deve essere bloccata perché ha molti scopi, bisogna comprenderli e supportare al meglio a seconda della situazione. Può essere scarico di stress o paura, può essere un modo per imparare a parlare, può essere come canticchiare una canzone che piace o ripetere una battuta di un film ma bloccarla non è mai bene. Piuttosto ripeti anche tu e vedi che succede. Ripeti sbagliando una parola o varia qualcosa. Se ripete ad es qualcosa con un colore, cambia il colore e vedi se lo cambia anche lui. Se fa il verso di un animale prova a dirne uno anche tu magari il solito oppure prova a dire altro su quell'animale etc...
    chiocciolina
  • chiocciolinachiocciolina Veterano
    Pubblicazioni: 456
    Sissolina92 ha detto:

    Diciamo che alcuni asperger bambini di cui sento parlare o hanno un interesse assorbente tipo pc o telefono che non glielo togli nemmeno per misericordia e alcuni si portano il pc anche al supermercato e esprimono proprio il fatto che di socializzare non gliene frega niente e lì mi dispiace è un problema o hanno come poi permane anche in età adulta ed è capitato anche a me in adolescenza di volare con la fantasia disconnessa dal mondo isolandomi e li i miei genitori si allarmavano tanto che a volte mi toglievano il pc o l'mp3 perchè ero proprio di più che a fatti miei. Perciò io troverei attività stimolanti anzichè guardare una tizia che si pettina i capelli il cui scopo è quello di "condividere". Non voglio demonizzare la tecnologia ma visto l'inclinazione che hanno gli asperger per quanto riguarda l'alienazione, isolamento e ossessioni io eviterei quanto possibile

    Infatti questa è la mia paura,mio figlio se potesse starebbe ore e ore con tablet o TV.


  • adiadi Veterano
    Pubblicazioni: 193
    @chiocciolina anche io mio starebbe solo a guardare la tv. L unica attività preferita.
    Te lo hanno mai spiegato il perche piace così tanto ?
  • chiocciolinachiocciolina Veterano
    Pubblicazioni: 456
    adi ha detto:

    @chiocciolina anche io mio starebbe solo a guardare la tv. L unica attività preferita.
    Te lo hanno mai spiegato il perche piace così tanto ?

    No in verità
  • LupaLupa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 623
    chiocciolina ha detto:



    Ho paura che mio figlio venga come dire risucchiato dalla sua realtà alternativa fatta di personaggi della tv o dei libri.

    Questa è la difficile giusta misura. Per me non è preoccupante il gioco in sé, potrebbe diventare preoccupante la pervasività di questo gioco, per quanto tempo ci si immerge, quanto si confondono reale e immaginario (anche se non ho idea in un bimbo di 4 anni quali distinzioni è giusto fare). Il titolo del tuo post riguarda il bisogno di isolarsi ed è un bisogno fisico e mentale che molti asperger hanno: c'è una bella differenza tra partecipare a un gioco in cui arrivano stimoli casuali e crearsi un gioco in cui hai tu il controllo della situazione. Abbiamo bisogno del primo per imparare a stare nel mondo e del secondo per riposarci o divertirci senza fatica. A 4 anni tempi e modi devono per forza essere regolati dai genitori, però in questo caso forse è più utile capire il perché di questo gioco ed eventualmente regolarlo anziché opporsi e basta.
    chiocciolinagioiaNemo
  • chiocciolinachiocciolina Veterano
    Pubblicazioni: 456
    Lupa ha detto:

    chiocciolina ha detto:



    Ho paura che mio figlio venga come dire risucchiato dalla sua realtà alternativa fatta di personaggi della tv o dei libri.

    Questa è la difficile giusta misura. Per me non è preoccupante il gioco in sé, potrebbe diventare preoccupante la pervasività di questo gioco, per quanto tempo ci si immerge, quanto si confondono reale e immaginario (anche se non ho idea in un bimbo di 4 anni quali distinzioni è giusto fare). Il titolo del tuo post riguarda il bisogno di isolarsi ed è un bisogno fisico e mentale che molti asperger hanno: c'è una bella differenza tra partecipare a un gioco in cui arrivano stimoli casuali e crearsi un gioco in cui hai tu il controllo della situazione. Abbiamo bisogno del primo per imparare a stare nel mondo e del secondo per riposarci o divertirci senza fatica. A 4 anni tempi e modi devono per forza essere regolati dai genitori, però in questo caso forse è più utile capire il perché di questo gioco ed eventualmente regolarlo anziché opporsi e basta.
    Posso dire che la situazione si presenta in momenti di noia come adesso dove le scuole sono chiuse e le terapie ferme causa ferie natalizie un poco colpa del covid è quasi sempre chiuso in casa con me.
    Per quanto io possa sforzarmi di inventare giochi nuovi ormai è saturo.
    Questa noia porta ad aumentare questi comportamenti.

Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online