Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Vicini fastidiosi (mi mettono a disagio, e non so come risolvere).

2»

Commenti

  • LuceEternaLuceEterna Membro
    Pubblicazioni: 22
    Alex1919 ha detto:

    Io ho letto molte storie ed anche i miei di vicini sono una rottura. Devi mettere delle videocamere, documentare e via di seguito. Ma per quello che ho letto, la soluzione migliore è cambiare posto, ovvero andare in una zona diversa. O se hai la possibilità economica metti delle pareti che proteggono dai rumori.


    In che senso i tuoi sono una rottura?   Hai un esperienza simile alla mia? Potresti andare più nel dettaglio? Purtroppo non ho la possibilità economica né di cambiare posto e né di mettere le pareti che proteggono dai rumori.
  • Alex1919Alex1919 Membro
    Pubblicazioni: 318
    @LuceEterna, senza togliere niente a questo forum, ti consiglio questo. Almeno per la questione.


    E' un sito dove si parla proprio tecnicamente di tali problemi con tanto di avvocati e amministratori, è il sito di cui ti ho parlato nel precedente post. Loro potrebbero dirti anche nel legale cosa fare. Io ci ho trovato molti buoni consigli per i problemi con i vicinati.

    Sono una rottura perché hanno cani che abbaiano in continuazione e sono litigiosi, e a me i suoni danno molto fastidio. Nel mio caso sono intervenuti poche volte i vigili, ma tempo pochi giorni e i rumori sono riniziati di nuovo. E' dalla quarantena del covid che quei cavolo di cani abbaiano e sto pensando di fargli mangiare del lassativo, che male non gli fa, ma almeno poi posso chiamare l'igiene perché gli faccio defecare le budella.
    LuceEterna
  • marco3882marco3882 Colonna
    Pubblicazioni: 1,831
    Il cartello sarebbe nell atrio o portoncino condominiale non sulla porta del vicino
  • LuceEternaLuceEterna Membro
    Pubblicazioni: 22
    marco3882 ha detto:

    Il cartello sarebbe nell atrio o portoncino condominiale non sulla porta del vicino


    Nell'altrio non verrebbe letto affatto.  Sul portoncino verrebbe bellamente ignorato, e non mi va di guerreggiare altresì.  Non è che io abbia altri grandi scelte a disposizione.
  • vera68vera68 Pilastro
    Pubblicazioni: 2,763
    Io credo che i cartelli non servano a nulla
    La mia famiglia di origine "fracassona". Non lo facevano apposta, semplicemente era normale per noi andare a dormire alle 2 pertanto alle 23 era il clou della serata. Non che si ballasse tutte le sere, casomai si litigava, ma c'erano tutte le attività che di solito altri fanno in altri orari: attaccare lavatrice, aspirapolvere, far scorrere l'acqua per qualsivoglia bisogno, TV accesa ecc...
    Anche detto dai vicini non è servito a molto. Anzi poiche con i vicini eravamo sempre sul piede di guerra (non io personalmente perché essendo piccola ero trascinata in questa situazione) il dialogo era impossibile.
    Crescendo sono rimasta "fracassona", ma oggi devo persare che devo far attenzione a non fare questo o quello. Non perché lo abbia imparato da sola, ma perché il destino ha voluto che sposassi un uomo dalle abitudini familiari diametralmente opposte che mi faceva notare. Mia suocera, un po' come te, sente tutto. Quando andavo a casa sua a volte si lamentava e mi diceva "senti!... Senti! Che roba! Ma io non ce la faccio più.... Basta. Glielo abbiamo detto in tutti i modi, non c'è nulla da fare, se ne fregano! "
    Ti assicuro che io tendevo l'orecchio e non sentivo nulla e se sentivo qualcosina non mi dava fastidio alcuno.
    Quindi mio marito mi ha col tempo "educato" almeno a pensare che all'altro potrebbe dar fastidio.
    Ciò nonostante ho avuto bisogno di molte ripetizioni. Una cosa che mi è servita a fare attenzione in modo più costante è il fatto che un vicino fosse gravemente malato.

    Ti ho raccontato la mia esperienza per dirti che spesso è una questione di abitudine e proprio di habitus. Più la famiglia è chiusa più condivide lo stesso habitus, meno vede l'esigenza di cambiarlo. Il mio è stato cambiato, ma dall'interno, nel momento in cui è entrato nella mia vita mio marito e io sono uscita di casa, portandomi dietro le abitudini, ovviamente.
    Quando si ha a che fare con famiglie "insensibili" come la mia, è un po' una battaglia persa. I miei erano insensibili per alcuni versi, ma sensibilissimi per altri

    Tuttavia puoi provare a giocare la carta del fatto che stai male. Questo tocca altre corde di sensibilità.
    LuceEterna
Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online