Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Non mio di Czeslaw Milosz

Non mio

Fingere tutta la vita che il loro sia il mio mondo,
e sapere quanto infamante sia tale finzione.
E tuttavia che fare? Se mi mettessi a urlare
e a profetare, nessuno sentirebbe.
Non a questo servono i loro microfoni, gli schermi.
Altri simili a me vagano per le strade
e parlano da soli. Dormono al parco, sopra una panchina,
o nei sottopassaggi, sull'asfalto. Troppo poche le carceri
per rinchiudervi tutti i poveri del mondo.
Sorrido e taccio. Ormai sono al sicuro.
Sedermi a un tavolo di eletti - questo mi riesce bene.


Czeslaw Milosz


Spero non ti dispiaccia se ti do del tu, non ci siamo mai conosciuti, quando nel 1980 ti veniva assegnato il Nobel io non ero nemmeno nato, ma dare del tu a chi sento vicino, in qualche modo affine, mi viene spontaneo. Lo darei a tutti gli esseri umani, ma in pratica non lo faccio, soprattutto perché di solito non ci parlo nemmeno.
Non so quando tu abbia scritto quelle righe, ma chi le ha lette e poi trascritte, sentendole parte di sé come un organo interno, è qualcuno che un premio come il Nobel non lo riceverà mai. Non so nemmeno cosa si prova a sedersi a un tavolo di eletti, e non ne sono invidioso. Sono solo un po' triste, spaventato a volte, perché penso che eletti lo siamo tutti in qualche modo, per il solo fatto di esistere; oppure nessuno di noi lo è, per il solo fatto di esistere. 
Comunque ora ho da mangiare, un tetto sopra la testa, ma cammino sopra un filo sottilissimo e so che non è poi così improbabile che anch'io finisca tra i poveri del mondo. E non si tratta solo di questo, non stiamo parlando solo di denaro, e tu lo sai. D'altronde, fingo, vago per le strade e parlo da solo, già da molto tempo, che mi sembra una vita intera. Fingo e sorrido mentre dentro abissi che non hanno nome né forma mi divorano brandello dopo brandello, come il becco di un'aquila, le pareti delle viscere. E mentre urlo e grondo sangue, sorrido ancora.
Leggerti è stato bello, liberatorio, come l'abbraccio di una persona amata, e volevo dirtelo.
Ciao Czeslaw.
CharadeSoylentGreenLupaTat

1,0 e √-1


Commenti

  • CharadeCharade Colonna
    Pubblicazioni: 1,378
    Grazie per aver condiviso queste belle parole
    ilsensodellombra
    Devo vivere guardando il fiume che scorre.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online