Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Come fate a godervi i libri?

Ciao a tutti,
a me è sempre piaciuto leggere ma non riesco a continuare i libri una volta iniziati.Quando ero più giovane pensavo si trattasse di pigrizia, pensavo di non aver voglia di leggere o che semplicemente la storia non mi appassionasse. Negli ultimi tempi mi sono concentrata su me stessa e ho fatto più attenzione al modo in cui mi pongo con i libri.
Iniziamo da questo: io amo i manuali di grammatica. Se la gente mi regalasse solo manuali di grammatica (non necessariamente italiana, va bene qualsiasi lingua) ne sarei entusiasta. Mi piacciono anche i saggi di scrittura creativa.
Quello che ho scoperto è che quando apro un libro di narrativa sono più portata a guardare la forma che non il contenuto. Mi spiego meglio: mi interessa la grammatica, la sintassi, la scelta del lessico, il modo in cui le frasi sono composte e si susseguono l'una all'altra, il modo in cui le parole suonano. Tutta la storia, la trama, passa in secondo piano. Sono stati davvero pochi i casi in cui la storia sia riuscita ad appassionarmi abbastanza e generalmente erano libri che leggevo dopo aver visto i film. (tipo Harry Potter)
Il problema è che io vorrei leggere di più perché so che si può imparare molto sui comportamenti e i modi di pensare delle persone studiando i personaggi delle storie. E poi mi piace scrivere quindi vorrei migliorare e non posso farlo se non riesco neanche a finire un libro.
Qualcuno di voi prova la stessa cosa? Se sì, come l'avete superato? Io non riuscivo nemmeno a leggere i libri che ci davano a scuola.
Charade
«1

Commenti

  • LupaLupa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 629
    Hai mai provato con dei racconti brevi? Visto che il tuo principale interesse è la forma potresti fare una prima lettura per esplorare la forma e solo dopo provare ad apprezzare anche il contenuto. Con i racconti brevi questa operazione mi sembra più agevole.
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 5,325
    Visualizzi facilmente? Riesci a "vedere" le scene che leggi o che scrivi? Se qualcuno ti racconta qualcosa, fai fatica a immaginare quello che ti sta dicendo?

    Anche a me interessa molto la forma, però quando leggo riesco a scegliere l'approccio di lettura: alcune volte voglio solo godermi le vicende, altre volte sto attenta allo stile. Chiaramente anche nella prima modalità un po' noto la forma, ma non in modo così analitico da farmi "uscire" dalla narrazione. 
  • runavikrunavik Membro
    Pubblicazioni: 10
    Lupa ha detto:

    Hai mai provato con dei racconti brevi? Visto che il tuo principale interesse è la forma potresti fare una prima lettura per esplorare la forma e solo dopo provare ad apprezzare anche il contenuto. Con i racconti brevi questa operazione mi sembra più agevole.

    Non avevo mai pensato di provare con dei racconti brevi, ma potrebbe funzionare. Grazie

    Newton ha detto:

    Visualizzi facilmente? Riesci a "vedere" le scene che leggi o che scrivi? Se qualcuno ti racconta qualcosa, fai fatica a immaginare quello che ti sta dicendo?

    Quando scrivo visualizzo in modo molto nitido come se stessi guardando un fumetto nella mia mente. Quando leggo invece mi è più difficile, probabilmente perché non mi vengono date tutte le informazione sulla posizione dei personaggi, il loro aspetto, la loro voce etc. Quando mi raccontano qualcosa invece non riesco minimamente a immaginare le scene.
    MononokeHime
  • CharadeCharade Colonna
    modificato February 2020 Pubblicazioni: 1,378
    Quoto @Newton, prova a dare un’immagine alle cose che leggi e finirai con l’interessarti di più a ciò che leggi, oltre che a ricordarlo meglio
    Post edited by Charade on
    Devo vivere guardando il fiume che scorre.
  • Emanuele98Emanuele98 Appena Entrato
    Pubblicazioni: 3
    Be', io per esempio riesco a concludere solo libri che mi interessano davvero. Certo, la visualizzazione delle immagini può aiutare, ma anche la costruzione di una sorta di "dialogo" interiore per riuscire a comprendere meglio ciò che è scritto è fondamentale. Io leggo spesso libri di filosofia e sfrutto queste due cose durante la lettura. Non mi piacciono i libri troppo formali (quelli di matematica per esempio) poiché, almeno personalmente, mi lasciano poco spazio per l'immaginazione, ciò che è scritto quello rimane e non resta altro che imparare a memoria ciò che leggo. Voi invece?
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 5,325
    "Quando scrivo visualizzo in modo molto nitido come se stessi guardando un fumetto nella mia mente. Quando leggo invece mi è più difficile, probabilmente perché non mi vengono date tutte le informazione sulla posizione dei personaggi, il loro aspetto, la loro voce etc. Quando mi raccontano qualcosa invece non riesco minimamente a immaginare le scene."

    Da quello che scrivi, sembra che tu non abbia difficoltà a immaginare le tue storie, ma fai fatica con quelle altrui. Dici che "non ti vengono fornite abbastanza informazioni". In genere quando si legge qualcosa (o si ascolta) il lettore è chiamato a colmare i vuoti. È come nel fumetto: non vedi l'intera azione, ma la scansione tra le vignette ti suggerisce quel che c'è nel mezzo e sei tu a riempire quei vuoti. Sei del tutto autorizzata a inventare quello che vuoi. Spesso gli scrittori non forniscono descrizioni dettagliate e non è una mancanza, ma lasciare spazio al lettore (oltre al fatto che i testi sarebbero molto pesanti se dovessero descrivere tutto o fornire ogni posizione ed espressione dei personaggi).
    rondinella61MononokeHime
  • Pubblicazioni: 1,022
    Se leggo qualcosa che mi piace (narrativa) finisco immersa nella storia, evito le descrizioni troppo lunghe (le salto, le trovo inutili), mi piace una trama scorrevole, veloce, d'azione. Evito quindi argomenti filosofici e autori prolissi. Mai badato alla grammatica a meno che non fosse davvero pessima. Il tempo vola quando leggo qualcosa che mi piace molto. Però mi accorgo che non bado al titolo né all'autore e se ci bado dopo poco li ho dimenticati, a me interessa la storia in sé
  • GecoGeco Colonna
    Pubblicazioni: 1,563
    Forse non è una risposta centratissima al tuo quesito, ma hai mai provato a leggere più libri nello stesso periodo (anche nella stessa serata, per intenderci)?
    Per me è stato una rivelazione: maggiore attenzione al contenuto del singolo libro e finale maggior godimento dello stesso, in più anche i libri più pallosi, presi a piccole dosi, vanno giù meglio.
    Ciao.
  • HoneyHoney Veterano
    Pubblicazioni: 264
    Probabilmente fai fatica a finirli perché sei concentrata sulla grammatica. L'unico consiglio che posso darti è di scegliere un argomento che ti interessa moltissimo. Ci sono altri argomenti che ti interessano oltre alla grammatica? Anche a me è capitato di non finire i libri, ma solo perché l'argomento non mi entusiasmava
  • Pubblicazioni: 1,022
    Posso chiederti cosa ti piace cosí tanto della grammatica?
    E cosa intendi esattamente? Cioé mi spiego, ti interessano la costruzione delle frasi, la scelta dei vocaboli, la ricercatezza o la informalitá dei toni... Cosa?
Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online