Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Provare la strada della programmazione a 30 anni?

Ciao a tutti, ancora non so se ho la sindrome di Asperger oppure no (sono in fase di diagnosi, per ora mi hanno detto ansia sociale e depressione ma comunque tutti i test che ho fatto online intanto hanno dato esiti molto alti).

Un mio interesse principale, da quello che ormai ho capito, è l'informatica. Utilizzo il PC dall'età di 6 anni però purtroppo non ho mai approfondito più di tanto.
Nel senso, durante l'adolescenza compravo sempre molte riviste di videogiochi ecc e giocavo molto (ma penso sia normale a quell'età), oltre a studiare un po' come creare siti web (HTML, CSS).

Negli anni ho provato a fare un po' di lavori ma sono andati tutti male: ho un diploma + qualifica riguardante l'amministrazione, ho fatto tanti colloqui quando avevo 20 anni per essere presa come apprendista contabile e mai nessuno mi ha presa, nemmeno in prova, nemmeno per uno stage gratuito, proprio schifata da tutti.
Stessa cosa come impiegata/segretaria.
Avevo fatto colloqui anche come operaia ma sempre a dirmi che ero troppo chiusa e non sapevano se mi fossi integrata bene con il gruppo.. cioè anche come operaia bisogna sapersi relazionale!?

Allora avevo provato come cassiera, durata pochi giorni perché non mi entrava proprio in testa di come si deve dare il resto quando è complesso, ad esempio 6,20€ ma il cliente dà una certa cifra che poi tu devi calcolare a mente quanto dare ecc.. insomma un casino per me, avevo troppa paura di fare casini e di essere fregata.
E comunque al colloquio c'erano due str... che hanno riso tutto il giorno di me, quindi ero già un po' provata.

Avevo fatto poi domanda per servizio civile agli archivi di stato, e ovviamente anche lì il giorno dei colloqui c'erano due str... che hanno riso tutto il tempo di me, io sono andata nel panico e me ne sono andata. Probabilmente faccio ridere quando una persona è nervosa di suo, come ad un colloquio.

Da lì mi sono chiusa in casa perché non ne potevo più e ho iniziato a pensare a come fare soldi online, da casa e da sola.
Allora ho iniziato prima con le ptc, poi pts, poi robe strane ecc fino ad arrivare a creare un sito web/forum dove mettere banner e affiliazioni varie. Anche se ci mettevo tutta me stessa e tutti i giorni per tutto il giorno per studiare come meglio fare, sono solo arrivata a farlo arrivare in prima posizione su Google ma mensilmente facevo sì e no 100/150€. Avevo poi paura di come dichiarare il tutto, non avevo partita IVA, oltre a dover poi prima o poi sentirmi anche solo telefonicamente con qualche agenzia per collaborazioni.

Questo fino al 2017, sono stata poi chiamata per una supplenza come bidella.. e l'inferno, io con i bambini mai più.

Poi ho trovato lavoro come amministrativa in ospedale, tempo indeterminato, pensavo ormai di essermi sistemata e invece niente, ambiente orribile, prese in giro e gente che ti sparla e cerca di rovinarti in ogni modo, gente veramente frustrata, oltre ovviamente ad avere troppa responsabilità per me (devi comunque far passare gli esami di gente che sta male..). Inoltre dicevano sempre che non facevo niente, insomma ero una cosa in più perché appunto non avendo esperienza né un titolo di studio "buono" come una laurea, le risorse umane non avevano saputo dove mettermi e quindi mi hanno messa lì dentro, come per dire "vai lì e arrangiati". Pensate però che io non riesco a relazionarmi con gli altri in maniera normale, si vede troppo che ho qualcosa che non va, oltre ad essere molto emotiva, non sopportare il rumore, la confusione, i posti stretti e affollati, le luci forti e bianche.
E lì c'era tutto: in segreteria con gente che arrivava ogni 5 minuti a chiedere cose o a urlare, tutti in ansia e agitati, reparto piccolo e tutto chiuso senza nemmeno una finestra ma in tipo 200 persone, gente che andava avanti e indietro continuamente in ogni dove, luci forti e bianche (e pure tutti in bianco, visto che ero circondata da medici).
Quindi mi sono dovuta dimettere dopo 5 mesi perché stavo malissimo anche fisicamente, non ne potevo più, avevo mal di testa fortissimi, un nervoso interiore mai avuto prima, non sopportavo proprio più il vedere tutta quella gente, non riuscivo più nemmeno a lavorare perché con tutto quel rumore di fondo dopo un po' iniziavo a divagare con la mente. Appena entravo in reparto era come se automaticamente mi dissociassi e non ero più in me, non sapevo più come comportarmi, come muovermi, confusione totale.
Ah, e alle risorse umane avevo chiesto gentilmente di essere messa in un posto diciamo tranquillo, meglio se da sola (vabè ci ho provato).. e invece mi hanno messa lì dentro. Quindi non ho nemmeno chiesto un trasferimento perché ormai avevo paura di finire ancora peggio, in pratica era come dire "te non servi a niente, sei solo un peso per lo Stato, ti mettiamo in posti dove non puoi sopravvivere quindi sarai costretta a licenziarti". E meno male che dicevano che nel pubblico si sta bene.. invece è pure peggio, perché il mobbing è ancora più pesante, tutti infatti pensano di non poter essere licenziati se non fanno cose proprio gravi e quindi è come essere tornati alle medie, l'ambiente era più o meno uguale.. solo che c'era gente di ben 50/60 anni a fare questi giochetti.
Dopo questo sono finita in urgenza al CSM.

Dopo tutto questo, secondo voi se a 30 anni mi focalizzo del tutto sulla programmazione ho qualche speranza di trovare un lavoro e soprattutto un ambiente a me consono?
Per ora so solo HTML, CSS, uso framework vari tipo Bootstrap, UIKit, LAMP per quando avevo la VPS per il sito.. ma non so se riuscirei a capire veramente linguaggi a me più complessi come anche solo PHP, Java ecc. Lì devi andare molto a logica.. un po' come la matematica.

In più finirei di nuovo in un ufficio, magari più piccolo però avrei sempre e comunque problemi.. oppure mi devo rassegnare al mio stato e sopportare per sempre l'essere presa di mira in qualsiasi contesto?
Non c'è un ambiente o lavoro dove posso stare tranquilla?
Amelie
«13

Commenti

  • CharadeCharade Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,178
    Ciao! Quando avrai la diagnosi puoi provare con Auticon a Milano. Assume solo persone nello spettro per posizioni nell'informatica e garantisce un ambiente di lavoro adatto alle tue esigenze. Prendono anche principianti, è sufficiente una diagnosi e interesse per l'IT. 
    noryriotOrsoX2Briseide
    Vaco, Lucili, vaco, 
    et ubicumque sum, 
    ibi meus sum. 
  • HazelWolfHazelWolf Membro
    Pubblicazioni: 31
    Vedo che abbiamo storie analoghe, però mi sento di dirti di provarci sempre, siamo esseri umani e con le nostre capacità possiamo fare praticamente tutto quello che vogliamo. Sono certa che se hai un obiettivo solido in mente, lo raggiungerai sicuramente.
    nory
  • norynory Membro
    Pubblicazioni: 56
    Grazie per le risposte!

    Secondo voi come magazziniera? E' un ambiente "difficile" anche quello, considerato anche che sono una donna? Forse non ci sono solo gli autotrasportatori ma anche altri posti dove non bisogna tirare su colli troppo pesanti.. robe tipo farmaci, cose così
  • CharadeCharade Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,178
    Ma non parlavi di programmazione? Secondo me è un'ottima strada se pensi di essere nello spettro, senza contare che in Italia e in alcune città in particolare (Roma ad esempio) i programmatori scarseggiano
    nory
    Vaco, Lucili, vaco, 
    et ubicumque sum, 
    ibi meus sum. 
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 5,182
    Come magazziniera 90 su 100 ti chiedono l'uso del muletto.

    Visto che conosci già HTML, CSS e framework vari, potresti approfondire il lato design, studiarti qualche CMS e proporti come web designer, magari in agenzie piccole.
    Considera comunque che nel lavoro dovrai sempre avere a che fare con altre persone.
    noryCharadeBriseide
  • norynory Membro
    Pubblicazioni: 56
    Però è poi facile trovare lavoro? Di sicuro vorranno chi ha già esperienza in aziende, chi magari sa già bene anche altri linguaggi come Java, PHP ecc (robe ben più complesse del solo HTML, CSS.. pure SASS già lo vedo un pelino più incasinato).

    Poi bisogna appunto saper fare squadra.. tipo che se non sai come fare una cosa (tipo un form) e online non trovi aiuto, devi chiedere altri altri. O ancora peggio sono gli altri che vengono a chiederti come fare una cosa.

    Probabilmente ci sono anche già molti front end developer :( Oppure buttarmi nell'UX design.. boh..
  • fra888fra888 Membro
    modificato 18 June Pubblicazioni: 111
    Io ho voluto sperimentare e informarmi tempp fa, ma dipende dove vuoi lavorare (Tipo a Milano potresti provare, se riesci a spostarti). Dove vivo io è tutto decadente e a 30 anni avrei una concorrenza inattaccabile; ci vogliono 5 anni per essere un buon programmatore, sempre se ti piace, e ogni anno la Regione indice corsi di programmazione per disoccupati. Come scrivevo nell'altro post, se sei brava con gli anziani e sei donna potresti provare a fare assistenze a ore: di donne ne prendono molte, soprattuto se italiane. Ti vieterei convivenze :) . Mentre per l'Informatica, o come qualsiasi altra cosa, dipende se sei decisa nel seguire il percorso (quindi devi essere talmente appassionata che non abbandoni dopo poco tempo), quindi ci vuole forza di volonta visto che è impegnativo. Non è un impiego da prendere alla giornata se non si tollera lo stress. Uffici e data entry ormai sono solo a conoscenze da me.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • norynory Membro
    Pubblicazioni: 56
    Però gli anziani se non autosufficienti li devi anche lavare, imboccare ecc.. non ce la farei :(

    Per l'informatica, una volta che mi metto in testa una cosa poi sono determinata, solo che non so poi se veramente arriverei da qualche parte.. 

    O forse è meglio solo un semplice lavoro manuale?

    p.s. fra888 sei zeneise anche te? :D
  • BlindBlind Colonna
    Pubblicazioni: 2,381
    Come programmatore/trice si può anche lavorare in privato (in modo regolare, con una partita IVA, oppure in nero).
    Tutti dipende dai contatti (sociali) che hai o che puoi procurarti (a molti commercianti, ad esempio, può far comodo un sito web o un'app mobile per pubblicizzare/vendere online i loro prodotti...), da quanto ti senti sicura delle conoscenze tecniche che possiedi e dalla tua capacità di raggiungere un obiettivo anche nel caso in cui scopri che ti mancano le competenze "adatte" (es. se ti accorgi di non sapere qualcosa, quali sono le tua capacità di studio, apprendimento e rielaborazione delle informazioni?)

    Altri lavori "su commissione" si possono trovare anche online, su siti specializzati - ora mi vengono in mente freelancer.com e upwork ma ce ne sono anche tanti altri...
    Ovviamente, è necessario conoscere almeno l'inglese per comunicare con i committenti
    nory
  • norynory Membro
    Pubblicazioni: 56
    Quello già provato, ero stata selezionata per fare un forum di dating per trovare mogli thailandesi ad americani :/ Iniziato poi mi sono persa per strada, anche perché il tizio si faceva vivo ogni 2/3 mesi e nel frattempo non ricordavo più nemmeno cosa dovevo fare.

    La vedo dura che da sola riesco a gestirmi :( Non saranno mai siti davvero professionali..

    Comunque sto guardando di fare dei corsi di programmazione regionali, quelli gratuiti con stage, almeno vedo se veramente mi piacerebbe come lavoro e se investire il resto della mia vita lì (a 30 anni ormai molte porte sono chiuse, è tutto fino ai 29 anni) oppure inventarmi ancora qualcos'altro per l'ennesima volta.
    Blind
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online