Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

In amore sono confuso.

MiticalexMiticalex Veterano
modificato November 2017 in Esplorare i sentimenti
Io frequento un corso di ballo è ho conosciuto due ragazze la prima che ho conosciuto mi sono preso una cotta che ho ancora adesso, ma la cosa non è reciproca (lei mi vuole solo come amico è la differenza di età e notevole).
Poi ho conosciuto un altra ragazza sarà più o meno mia coetanea pensando come alternativa all'altra ragazza, ma poi nel corso di ballo è entrato pure il ragazzo è ciò mi ha fatto stare un po male.

Aiutatemi sono confuso.
Post edited by Sophia on

Commenti

  • MiriMiri Membro
    Pubblicazioni: 23
    Ne troverai un'altra che ti saprà colpire vedrai. Prendi il positivo di tutto questo: la tua mente è pronta ad accogliere l'amore!
    marco3882mammaconfusa80lavinialoss33
  • LibellulaLibellula Andato
    Pubblicazioni: 697
    Se posso permettermi di darti un consiglio, credo che dovresti cercare prima di tutto l'amicizia, di scoprire persone affini a te, al tuo modo di essere. Mia figlia ha adesso trovato un ragazzo il quale prima di diventare il suo fidanzato, è stato un suo grande amico e tra l'altro sono molto ma molto simili e si aiutano a vicenda ad affrontare i problemi sociali che entrambi hanno.
    ValentaMononokeHimeSolemandragola77mammaconfusa80lavinialoss33
  • GiordanoGiordano Membro
    Pubblicazioni: 18
    Libellula ha detto:

    Se posso permettermi di darti un consiglio, credo che dovresti cercare prima di tutto l'amicizia, di scoprire persone affini a te, al tuo modo di essere. Mia figlia ha adesso trovato un ragazzo il quale prima di diventare il suo fidanzato, è stato un suo grande amico e tra l'altro sono molto ma molto simili e si aiutano a vicenda ad affrontare i problemi sociali che entrambi hanno.

    Forse andro' fuori tema, ma la tua risposta mi ha suscitato delle riflessioni.

    Io sinceramente non sono stato ancora diagnosticato come Asperger, malgrado ai test risulto nello spettro, ma, la sottile differenza tra amicizia ed amore e il confine sottile che le divide, mi sembra un problema che faccia parte della nostra epoca e che tocchi un po' tutti.

    Mi spiego: recentemente leggevo un articolo su di un quotidiano che in poche parole diceva che, quando ci si comincia a frequentare con un individuo del sesso opposto (o comunque pertinente alle nostre esigenze) se non si va in buca entro il terzo appuntamento le statistiche dicono che la possdibilita' che succeda in un prossimo futuro e' praticamente nulla. Ovvero il (vorrei) partner, dopo tre incontri, ci vedra' come semplice amico e sara' molto difficile se non impossibile che ci veda in maniera diversa in un prossimo futuro..

    Ora, pur escludendo i miei problemi di autostima che mi impediscono di prendere l'iniziativa con una persona praticamente sconosciuta (sensazione di risultare inadeguato e paura di essere rifiutato), sogno di trovare una persona di cui io possa fidarmi e solo dopo  tre appuntamenti non penso sia possibile capire se lo sia davvero.

    La gente e il mondo si muove purtroppo a ritmi troppo frenetici. La gente trova gratificazione in beni effimeri estemporanei, capaci di volta in volta di colmare i vuoti interiori, che vengono dalla mancanza di relazioni interpersonali veri e duraturi. E' l'epoca della societa' fluida sintetizzata da Bauman, e mi chiedo se probabilmente e' la societa' ad essere ormai autistica e al suo interno ci sono solo individui che reagiscono in maniera diversa.
    woodstockAmelieAndato_52aliaFabrizioVaderlavinialoss33
  • aliaalia Veterano
    modificato November 2017 Pubblicazioni: 118
    Giordano ha detto:

    Libellula ha detto:

    Se posso permettermi di darti un consiglio, credo che dovresti cercare prima di tutto l'amicizia, di scoprire persone affini a te, al tuo modo di essere. Mia figlia ha adesso trovato un ragazzo il quale prima di diventare il suo fidanzato, è stato un suo grande amico e tra l'altro sono molto ma molto simili e si aiutano a vicenda ad affrontare i problemi sociali che entrambi hanno.

    Forse andro' fuori tema, ma la tua risposta mi ha suscitato delle riflessioni.

    Io sinceramente non sono stato ancora diagnosticato come Asperger, malgrado ai test risulto nello spettro, ma, la sottile differenza tra amicizia ed amore e il confine sottile che le divide, mi sembra un problema che faccia parte della nostra epoca e che tocchi un po' tutti.

    Mi spiego: recentemente leggevo un articolo su di un quotidiano che in poche parole diceva che, quando ci si comincia a frequentare con un individuo del sesso opposto (o comunque pertinente alle nostre esigenze) se non si va in buca entro il terzo appuntamento le statistiche dicono che la possdibilita' che succeda in un prossimo futuro e' praticamente nulla. Ovvero il (vorrei) partner, dopo tre incontri, ci vedra' come semplice amico e sara' molto difficile se non impossibile che ci veda in maniera diversa in un prossimo futuro..

    Ora, pur escludendo i miei problemi di autostima che mi impediscono di prendere l'iniziativa con una persona praticamente sconosciuta (sensazione di risultare inadeguato e paura di essere rifiutato), sogno di trovare una persona di cui io possa fidarmi e solo dopo  tre appuntamenti non penso sia possibile capire se lo sia davvero.

    La gente e il mondo si muove purtroppo a ritmi troppo frenetici. La gente trova gratificazione in beni effimeri estemporanei, capaci di volta in volta di colmare i vuoti interiori, che vengono dalla mancanza di relazioni interpersonali veri e duraturi. E' l'epoca della societa' fluida sintetizzata da Bauman, e mi chiedo se probabilmente e' la societa' ad essere ormai autistica e al suo interno ci sono solo individui che reagiscono in maniera diversa.
    Concordo su molto aspetti. La società però, secondo me, non è autistica, è narcisistica. È il narcisismo, attivo o passivo, che determina le difficoltà, la superficialità e la violenza nelle relazioni. L’autistico, come tutti, se vuole, io credo, può scegliere se agire, subire (ed è comunque narcisismo) o salvarsi dal narcisismo.


    Amelieale82lavinialoss33
    Post edited by alia on
  • TormalinaNeraTormalinaNera Colonna
    Pubblicazioni: 1,216
    Interessante il discorso di @Giordano dei tre appuntamenti, ne terrò conto per i miei prossimi incontri. Mi fa piacere sapere che c'è uno standard.
    Comunque @Miticalex le due ragazze sono entrambe persone sbagliate, una perché non è interessata e l'altra perché è già impegnata, non perdere tempo con le persone sbagliate.
    lavinialoss33
    Oh, how I wish
    for soothing rain
    all I wish is to dream again
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online