Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Non piangete PER NOI

2»

Commenti

  • Andato_SimAndato_Sim Andato
    Pubblicazioni: 2,046
    Peccato che una discussione così importante si sia fermata così velocemente.

    Io non mi sono mai "spiegato" ai miei genitori, che penso si siano abituati piano piano, ma che ancora oggi non abbiano bene chiaro quasi nulla di me, in modo profondo.

    Non so se sono caratterizzato da Asperger o qualche forma di autismo ad alto funzionamento, ho fissato un appuntamento (dopo infiniti ragionamenti) con Davide Moscone, per capire qualcosa in più di me.

    Ma vorrei molto che i genitori di questo forum mi dicessero di cosa avrebbero paura. Che cosa temono che potrebbero sentire. Per cercare di capire come si potrebbero sentire anche i miei genitori, e stare attento il più possibile, in modo da poter pensare bene a come fare per spiegarmi. 

    Ciò che assolutamente non mi serve e che mi terrorizza, sono altre, infinite incomprensioni. Lotto già ogni giorno con quelle che già incontro.

    Se voleste aggiungere qualcosa in questo senso, ve ne sarei grato.
    L'articolo è molto buono.

    Simone
    Tutto ciò IO penso (e scrivo).
  • FrancescoFrancesco Veterano Pro
    modificato February 2014 Pubblicazioni: 966
    ...

    Ma vorrei molto che i genitori di questo forum mi dicessero di cosa avrebbero paura. Che cosa temono che potrebbero sentire. Per cercare di capire come si potrebbero sentire anche i miei genitori, e stare attento il più possibile, in modo da poter pensare bene a come fare per spiegarmi. 

    Ciò che assolutamente non mi serve e che mi terrorizza, sono altre, infinite incomprensioni. Lotto già ogni giorno con quelle che già incontro.

    ..

    Simone
    Un'indagine tra i genitori di bimbi e/o adolescenti autistici o limitrofi, sarebbe falsata proprio dal fatto che questi genitori scrivono su questo forum. Mi spiego, da genitore di bimbo autistico, se sono su questo sito è proprio perchè voglio dare una mano a mio figlio, il fatto poi che io possa avere dei problemi miei è del tutto marginale. Il problema è costituito dalla stragrande maggioranza dei genitori che peccano di superficialità, ignoranza, anche egoismo che evitano il problema o pensano che qualcosa o qualcuno  possa magicamente far sparire nel nulla il problema del figlio.
    Conosco genitori di bimbi che andrebbero quantomeno sottoposti a una visita ma quando provi a manifestare certe perplessità ti senti risposte del tipo:
    - Lo zio ha incominciato a parlare a 5 anni, se a 4 ancora non parla non è un problema
    - E' un bambino introverso, non gli piace stare con gli altri
    Ovviamente dal loro punto di vista sono io il fissato visto che ho il figlio autistico, cosa sarebbe successo a mio figlio se a quasi 3 anni non l'avessi sottoposto a visita ?
    Un altro aspetto abbastanza svilente è vedere altri genitori di bambini autistici rassegnati e/o superficiali, portano i bimbi a terapia come se portassero il cane a fare i bisognini, un bimbo che non ha adeguato appoggio nella famiglia parte decisamente male, questo è il vero handicap.
    Caro Simone, penso che  i genitori che dovrebbero risponderti sono quelli che non lo faranno mai, purtroppo.

    Linna
    Post edited by Francesco on
    Non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me. (G. Marx)
  • Andato_SimAndato_Sim Andato
    modificato February 2014 Pubblicazioni: 2,046
    Caro Simone, penso che  i genitori che dovrebbero risponderti sono quelli che non lo faranno mai, purtroppo.

    Io non parlo mai di me con nessuno al di fuori delle quattro persone di cui mi fido. Ma neanche con loro ho potuto avere dei riscontri, dei confronti come ho potuto avere in questo forum. Parlare di me per me è molto complesso, serve molto tempo. Scrivere è molto più semplice, ho tutto il tempo che voglio per ragionare e posso correggere bene il messaggio perché si avvicini il più possibile a ciò che c'è nella mia testa.
    I miei genitori, purtroppo, non leggono quasi nulla. Ogni tanto un'occhiata a qualche titolo di qualche giornale, ma anche i giornali, in casa nostra, non ci sono mai stati. Sono della generazione TV. E quindi lasciare loro un messaggio, sebbene per me sarebbe preferibile, non è considerabile una opzione valida o funzionale.
    Io al contrario leggo infinitamente. Infinitamente.
    Io mi scontro ogni giorno con le mie necessità e con la loro profonda incomprensione. Mi chiedono sempre: sei arrabbiato? non stai bene? cos'hai? si può sapere cos'hai?
    L'infanzia è stata un disastro, al riguardo delle incomprensioni. Hanno sempre detto che sono fatto così, sono riservato, e mano a mano che diventavo più grande hanno detto: "è la persona più indipendente che conosciamo. E sta bene, così"
    I confronti si sono chiusi.
    Ed ora, ogni giorno, incomprensioni, scontri che mi sfiniscono, oltre a quelli che ho già altrove. La domanda in assoluto più frequente è: Cosa c'è, sei arrabbiato?
    Magari sto solo pensando, ragionando come faccio spesso, aggrottando le sopracciglia e guardando un punto del muro.

    Così cercavo solo un aiuto su come fare a dire cosa senza la preoccupazione profonda di usare dei modi sbagliati. 
    Perché, Francesco, se tu ora mi chiedessi cosa penso che pensino i miei genitori, io non lo saprei proprio.
    E questo, negli anni, ha generato una serie interminabile di incomprensioni, che poi ha portato a ridurre tutte le discussioni, tutti gli scambi a pure necessità vitali. 

    Ma il tuo discorso è logico...non è sbagliato. Anche se mi preoccupa molto, questa correttezza, perché in effetti disattende una mia speranza.
    Ti ringrazio della tua trasparenza. Simone
    Post edited by Andato_Sim on
    Tutto ciò IO penso (e scrivo).
  • damydamy Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,191
    Bellissimo articolo. Mi era sfuggito. Grazie @simone per averlo ripescato.

    Aspettative e sogni infranti, ok. Mi sono passati per la testa questi pensieri. Preoccupazione per il futuro. Però ho cercato ricordo, fin da subito un modo per aiutarlo. Ricordo chiaramente che mio figlio lanciava gli oggetti e non c'era modo di distoglierlo. Si arrabbiava se mi avvicinavo a lui sul tappeto, quasi ringhiava .. Così ho iniziato a lanciare anch' io le costruzioni con lui e a non pretendere da subito che le unisse insieme. Mi faceva male, tanto male vederlo così..ancora adesso..ricordo, scrivo e piango..ma alla fine ce l'ho fatta..Si ora costruisce, ma la cosa più importante è che vuole giocare sempre con me e mai da solo.
  • cameliacamelia Pilastro
    Pubblicazioni: 3,516
    Bellissimo articolo. Mi era sfuggito. Grazie @simone per averlo ripescato.

    Aspettative e sogni infranti, ok. Mi sono passati per la testa questi pensieri. Preoccupazione per il futuro. Però ho cercato ricordo, fin da subito un modo per aiutarlo. Ricordo chiaramente che mio figlio lanciava gli oggetti e non c'era modo di distoglierlo. Si arrabbiava se mi avvicinavo a lui sul tappeto, quasi ringhiava .. Così ho iniziato a lanciare anch' io le costruzioni con lui e a non pretendere da subito che le unisse insieme. Mi faceva male, tanto male vederlo così..ancora adesso..ricordo, scrivo e piango..ma alla fine ce l'ho fatta..Si ora costruisce, ma la cosa più importante è che vuole giocare sempre con me e mai da solo.

    :x
  • zrinkazrinka Membro Pro
    modificato January 2018 Pubblicazioni: 57
    Sinceramente c'e' paura!! Paura che i miei figli mi assomiglino in quei miei aspetti autistici che mi rendono la vita difficile. Come ha scritto sopra Simone: tante sono le incomprensioni - io ci ho messo 48 anni solo per capirne alcune... e le altre? Vogliamo parlare poi degli overload e del chiudersi in se stessi e poi l'ansia a 1000 e di tutti quei cicli depressivi che mi sono fatta negli ultimi 27 anni?... Poi ho scoperto giorni fa - me ne ha parlato apertamente mia figlia di 18 anni - che ha ansie pazzesche, che fa fatica a fare le cose che prima le davano gioia... ed io a pensare dentro me: "Eccola qua - questa te la sei presa da me :-/ " - non mi trovo bene con questo mio essere autistica -  e nonostante l'enorme forza di volonta' che ci metto - ogni tanto mi sopraffa. E certamente non sono felice al pensiero dei miei figli che sofforno: quello che posso fare e' combattere per loro e con loro, insegnare tutto cio' che io non ho saputo per decenni - a saper valutare le proprie forze ed energie, per tenersi almeno a galla e cercare di essere felici quanto possono!

    OrsoX2
    Post edited by zrinka on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online