Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Diagnosi in tarda età: importante!

13

Commenti

  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 5,704
    Lui ci indicava una prospettiva diversa da assumere nella nostra vita, quella di ritrovare i valori personali e soprattutto di puntare sulle risorse esistenti.
    @aspirina che s'intende per risorse esistenti?

  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    Pubblicazioni: 3,054
    ciao @riot, direi le parti che funzionano ma sarebbe riduttivo,  però è chiaro che mi riferisco alle risorse della personalità.
    Cioè  le attività i comportamenti le funzioni e le attitudini che ricaricano, motivano, in cui una persona "riesce bene", le predisposizioni naturali, insomma la cassetta degli attrezzi (questa  espressione è derivata dal lavoro del gruppo) personale.
    Quelle cose che danno energia, che vengono naturali, che accrescono il senso di efficacia e competenza.
    Immagino che tutti  abbiamo le risorse, nessuna vita è così grama da non averne.

    E poi l'altra cosa importante sono i valori, gli orientamenti personali, i sogni nei confronti della propria meta, perché queste cose ci danno uno scopo per vivere  e soprattutto ci ricaricano della capacità di desiderare.

    Forse la persona di cui parlava il nostro amico avrà una grande sensibilità, o l'attitudine a curare, oppure una notevole carica di autonomia, o la capacità di autoanalisi, o il buon senso pratico, ma qualunque sia la sua risorsa potrà trarne molto benessere e molta energia se punterà su quella e non sul negativo, sulle cose che le mancano.
    Certo che se è depressa il suo modo di ragionare ne risentirà e penserà di non avere risorse, ma in quel caso ci vorrebbe un aiuto più articolato perché bisognerebbe andare a lavorare anche sul lato cognitivo e aiutarla a ri/conoscere i propri pregi, a non sottovalutarsi.
    Non è che uno si sveglia e decide di "pensare positivo", queste sono barzellette. Anche il lavoro per trovare il lato positivo di se stessi  è una conquista.
    aspy
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
  • Semir78Semir78 Andato
    modificato September 2014 Pubblicazioni: 1,101
    Quelle cose che danno energia, che vengono naturali, che accrescono il senso di efficacia e competenza.
    Immagino che tutti  abbiamo le risorse, nessuna vita è così grama da non averne.

    E poi l'altra cosa importante sono i valori, gli orientamenti personali, i sogni nei confronti della propria meta, perché queste cose ci danno uno scopo per vivere  e soprattutto ci ricaricano della capacità di desiderare.
    In poche parole: "Puntare sulle nostre qualità e coltivare i nostri interessi."

    Questa è la frase ricorrente nella Terapia Cognitiva Comportamentale (CBT o TCC).
    Il problema degli adulti non diagnosticati, o diagnosticati troppo tardi è che hanno subìto una vita piena di aspetti negativi. Il problema comune a tutti coloro che hanno l'AS o l'HFA e che non sanno come rapportarsi con gli altri. Col passare degli anni, questo problema porta alla solitudine, in seguito alla depressione.
    L'ultima psico-qualcosa che ho frequentato usava la Terapia Cognitiva Comportamentale. Non le ho mai fatto cenno della sindrome di Asperger, anche se sapevo che ne era a conoscenza, ma solo sui bambini. La sua diagnosi fu: grave fobia sociale (e pure invalidante). Durante le sedute mi spiegava come superare le paure, affrontare le persone, coltivare degli hobbies, ecc...
    Se fin da bambini si impara a usare le convenzioni sociali, si avrà un inserimento sociale migliore di chi si è sempre sentito diverso, sbagliato o come lo scemo del gruppo.

    Com'è possibile, superati i 30 anni, avere una vita decente se non si ha neanche un, dico UNO, amico; se si ha paura di uscire da soli perché ci si sentirebbe diversi dalla folla? Posso coltivare i miei interessi, certo... ma come metterli in pratica?
    Il consiglio più comune nella CBT è: "Iscriviti ad un corso, così coltivi un tuo interesse e fai pure amicizia!".
    Io vorrei avere per iscritto tutti i passi da fare per iscriversi ad un corso (di inglese, di giardinaggio, o quello che vi pare)!
    Il primo passo potrebbe essere "Fare una telefonata per informarti".
    In questo forum c'è un thread proprio sulla paura di fare e ricevere telefonate. Questo significa, che almeno per me, fare una telefonata è complicato quanto scalare l'everest. Cosa me ne faccio di un interesse se non ho gli strumenti per metterlo in pratica?

    Cercando di rimanere nel discorso (IT), cerco di spiegare meglio le mie perplessità sul lavoro svolto da un gruppo di asperger ad alto livello di funzionamento. Tanto alto che molti, se non avessero un foglio di diagnosi, non avrebbero problemi a fare la solita vita. Io invece parlo di persone che sono arrivati con grosse ferite nell'età adulta. Ferite che non si sono mai cicatrizzate, fanno ancora male e ne condizionano l'esistenza. A queste persone, nel corso dell'infanzia e dell'adolescenza, la loro cassetta degli attrezzi personale è stata svuotata, depredata. Oppure gli è stato spiegato da bambini che non devono aprirla perché è una cosa sbagliata.

    In certi adulti, l'autismo ha rovinato la vita e superata una certa età non è più possibile "farsi una vita".
    Sapete quali sono alcuni lati positivo di chi ha l'AS? La sincerità, la lealtà e l'onesta. Credete davvero che qualcuno non abbia approfittato di loro nel corso della loro vita? Non vi dice niente la parola bullismo? Il risultato è la totale diffidenza nelle persone. Puoi avere tutti le qualità che vuoi, ma in un mondo come il nostro, se non sai "fare gruppo" sei non sai interagire con gli altri... i tuoi attrezzi puoi lasciarli nella cassetta.


    Ludo
    Post edited by Semir78 on
  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    modificato September 2014 Pubblicazioni: 3,054
    Semir, capisco quello che intendi, certo se ci fermiamo al discorso di questa o di quella terapia o di questo o di quel terapeuta non ne usciamo più, io ti potrei dire che la prospettiva da cui parto è l'Acceptance and Committment Therapy ma questo non serve all'economia del discorso.
    Quello che tu dici è giusto, ma conosco gente che è molto sola ma comunque ha una vita ricca di interessi e di soddisfazioni.
    Per quel che riguarda il gruppo di lavoro, non tieni conto dell'effetto "gruppo" unito al laboratorio di idee e acquisizioni che abbiamo svolto. Ti assicuro che ci sono stati cambiamenti lavorativi, familiari, personali, ma non posso scendere in dettagli, se mi credi ok.
    Nessuno dice che il gruppo o un particolare approccio facciano miracoli, ma a volte ci sono momenti che rappresentano un salto quantico se ci si mette nella  prospettiva di prendere in mano la propria vita.
    Per me la psicologia (oh no ho detto la parola tabù :-/ ) dell'ACT unita al sostegno del gruppo ha funzionato.
    E' una testimonianza e non propaganda, qui se si parla di psicologia si rischia di essere lapidati dall'ideologia del forum, o di parte di esso.
    E allora non fate niente, e amen
    rosaria

    Post edited by aspirina on
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    modificato September 2014 Pubblicazioni: 3,054
    Per la cronaca, la vecchietta viziata che ti sta parlando fa un lavoro durissimo per pagarsi gli studi e nessuno le regala niente
    aspirina
    Post edited by aspirina on
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    modificato September 2014 Pubblicazioni: 3,054
    Semir, tu parli di bullismo, ma le ferite che segnano una persona possono essere di tipi diversi, io mi rendo conto di avere fra le mie famose "risorse" un livello di energia molto alto che mi consente di rialzarmi ogni volta, ma a parte questo - e una testa dura che mi porta a riprovarci ancora, guarda che ho avuto anche la mia cassetta degli orrori, e se mi incavolo è quando vedo che qualcuno considera i propri drammi come insormontabili. Certo, eravamo quasi tutti ad alto/altissimo funzionamento, ma con disastri altrettanto alti e/o altissimi. Non facciamo a chi è più sfigato, per piacere, perchè è proprio questa la prospettiva che ci butta sottoterra da vivi.
    Sicuramente i miei decenni a fare cavolate li ho passati, ma se adesso ti dicessi che è sempre stata colpa di mia madre (sicuramente Asperger) o del mio Asperger, sarebbe l'ennesima presa in giro. Come dice un nostro amico qui sul forum, se di quello che ti è stato dato ne hai fatto uno scatafascio la responsabilità è la tua.
    E quindi, se permetti, mi  prendo anche la responsabilità di lottare per ricucirmi quello che resta della vita, vecchiaia o non vecchiaia, miseria o non miseria.
    oh!

    Nemo
    Post edited by aspirina on
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 5,704
    @aspirina e Semir78
    avete scritto cose che sono le due facce della medaglia: aspirina tutto quello che c'e' da analizzare in se stessi e valorizzare, Semir78 la consapevolezza dei propri limiti e blocchi.
    credo che i due punti di vista devono essere sviluppati sempre parallelamente.

    Per quanto mi riguarda, la mia attitudine e' piu' sul positivo. I limiti pero' mi spaventano perche' so che potrebbero sempre mostrarsi e vanificare gli sforzi che faccio quotidianamente, il buono e' che so che sia la forza e sia la debolezza, mi agiscono ormai in maniera automatica.

  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    Pubblicazioni: 3,054
    @riot, hai ragione
    che tu sia saggio?
    >:D<
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
  • Semir78Semir78 Andato
    Pubblicazioni: 1,101

    Per me la psicologia (oh no ho detto la parola tabù :-/ ) dell'ACT unita al sostegno del gruppo ha funzionato.
    E' una testimonianza e non propaganda, qui se si parla di psicologia si rischia di essere lapidati dall'ideologia del forum, o di parte di esso.

    Nessun problema. Wolfgang ne scrisse 2 anni fa, poi più nulla.
    http://www.spazioasperger.it/forum/discussion/974/la-casa-dellact-contestualismo-funzionale-aba-e-rft-

    Sto leggendo un po' di articoli (in inglese) prima di andare a dormire.
    Grazie per la tua testimonianza. :-)

  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    Pubblicazioni: 3,054
    notte I-)
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online