Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Maschiacci o principesse?

Prendendo come riferimento questo articolo (e tanti Altri ovviamente, non è l'unico in cui si trovano queste considerazioni) https://mondoaspie.com/speciale-donne-asperger/le-caratteristiche-delle-ragazze-asperger/ volevo focalizzarmi sull'ultimo punto.

"La donna aspie Può essere un maschiaccio o una diva alla moda oppure una principessa, può essere o no interessata al look femminile".

Voi come vi sentite? Maschiaccio, diva o principessa?

Per quanto riguarda me, rigorosamente maschiaccio fino ai 18 anni. Da piccola vestiti più maschili che femminili, niente collanine o cose simili, non giocavo mai a fare la mamma ma sempre con giochi maschili, dalle spade alle tartarughe ninja.

Ciclicamente mi taglio i capelli corti, come li ho ora. Uso un trucco abbastanza naturale, quasi acqua e sapone.

Sull'abbigliamento sono diventata più chic,non principessa e non diva, ma più femminile. Anche se mi sento sempre molto più a mio agio in pantaloni e maglietta che con un vestito ;)

Ho letto poi delle correlazioni con fattori fisici, ad esempio il testosterone alto nelle donne asperger (presente!) e la sindrome dell'ovaio policistico (presente e correlato con il testosterone alto), che magari hanno influenzato il mio essere un po' androgina.

E voi invece? :)
Valentafriedenwolfgang
"Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
«134

Commenti

  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,605
    Principessa.

    Da piccolo mi chiamavano "principessa col pisello", per via di miei certi modi snob (a sentir loro: ovviamente selettività alimentare, irritazione per ogni maledetta etichetta sui capi d'abbigliamento, mancanza di interesse per le attività "maschili" - lo ammetto, trovavo molto più piacevole il mezzo punto rispetto al correre e sporcarmi nel fango, o tirare calci ad una palla - e, non ultimo, una proprietà di linguaggio imbarazzante. Per l'interlocutore, che spesso non capiva).
    whatsername84NewtonValentarondinella61WBorgKrigerinnefriedenwolfgangAngel_a
    Memento Mori
  • amigdalaamigdala SymbolModeratore
    modificato July 2016 Pubblicazioni: 6,346
    Né principessa né maschiaccio. Ero e sono sciatta :)
    Quand'ero piccola sceglieva mia mamma, a me sarebbero piaciuti i vestitini ma ho quasi sempre indossato pantaloni e abiti dal taglio da maschietto.
    Da adolescente non ci badavo, mettevo ciò che capitava.
    Adesso golfini, pantaloni e casacche larghe per nascondere la mia magrezza (non tanto per me, non mi turba il mio BMI, più che altro mi irritano i commenti altrui sul fatto che sia magra). Dopo il liceo sono comunque diventata un po' più attenta a quello che indosso, non sarò mai quella che abbina tutto e sta attenta al trucco quello no.
    whatsername84NemoOssitocinafriedenFabrizioVaderwolfgang
    Post edited by amigdala on
  • whatsername84whatsername84 Veterano
    Pubblicazioni: 186
    @Nemo sulla selettività alimentare e il fastidio per le etichette, ti sono vicina :) sul mangiare sono cambiata poco, mi definiscono ancora schizzinosa ma che ci posso fare?
    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
  • SophiaSophia SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 5,904
    Assolutamente femmina, non proprio principessa, ma un po' snob con la puzza sotto il naso si. Adoro le cose femminili ma non porto vestiti nę gonne. Mi piace truccarmi e devo sempre essere impeccabile altrimenti nonmi sento a posto. Non immaginatemi come barbie perché non lo sono. Alterno vestiti casual ad abbigliamento etnico e pantaloni sempre con il cavallo basso. Mi piacciono le collanine, i bracciali, gli anelli, soprattutto con pietre o legno. Scarpe comode. Ma tutto rigorosamente intonato. Se sono spettinata non esco di casa. Maniaca della pulizia. Porto i capelli corti da anni. Da piccola ero uguale. Già tagliavo le etichette e mangiavo poco. Non nascondo però che spesso mi sento vicino agli uomini come pensiero. Da piccola spesso pensavo che se fossi stata maschio sarebbe stato piu facile.
    whatsername84Eowynfriedenwolfgang
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • whatsername84whatsername84 Veterano
    Pubblicazioni: 186
    @lollina anch'io pensavo che se fossi stata maschio sarebbe stato più facile e non esco di casa spettinata, ringrazio la mia fedele piastra per contribuire efficacemente alla mia piega.

    Collane,bracciali e anelli, ci ho provato ma li sento proprio come un impiccio, come se non facessero parte di me. L'unico bracciale che riesco, perché mi sembra più casual, è lo slake in ecopelle o con gli Swarovski.
    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
  • EowynEowyn Veterano Pro
    Pubblicazioni: 284
    Sempre stata un maschiaccio, nel senso che detesto sonoramente qualsiasi limitazione imposta dagli abiti femminili, dalle suole di cuoio che scivolavano al sentirmi dire di dovermi sedere composta e stare ferma se avevo la gonna (poi quella è stata anche una bella occasione per bullizzarmi alle elementari, lasciamo stare). Adesso guido una moto (non scooter) a cui tengo più che ai tacchi, faccio un lavoro per cui rischio di passare nel giro di 10 minuti da una riunione formale a un cantiere lurido... però...sono femmina inside e adoro gioielli, borsette e cappelli e per le cerimonie e le serate a teatro (in cui il massimo di attività è passeggiare) sfogo i miei istinti e mi agghindo da donna. Trucco compreso.
    whatsername84amigdalarondinella61Dallas1
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 5,319
    Maschiaccio, con tendenza verso stili estremi
    Nemofrieden
  • NanukNanuk Veterano
    modificato July 2016 Pubblicazioni: 153
    @whatsername84 io mi rivedo completamente nella tua descrizione! Tranne per l'aspetto androgino... il mio corpo è dotato delle giuste curve femminili. Un trauma per me, soprattutto quando ero più giovane, perchè non lo accettavo.
    whatsername84Doorfriedenwolfgang
    Post edited by Nanuk on
  • whatsername84whatsername84 Veterano
    Pubblicazioni: 186
    @Nanuk adesso le accetti? A me piacerebbe qualche curva in più.

    Durante l'adolescenza non ho vissuto bene l'avere una seconda scarsa. Mi vedevo tanto diversa dalle mie compagne di classe e spesso me lo facevano notare, anche se credo fossero un po' invidiose del fatto che ero magra senza rinunce o ammazzarmi di ginnastica.

    Adesso non mi dispiace, non ho problemi di costume a fascia che cade :D
    Phoebe
    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
  • OssitocinaOssitocina Pilastro
    Pubblicazioni: 2,725
    Principessa raramente, diva mai.
    Però sono maschiaccio e femmina, alternando, in egual maniera. Oggi camicia e jeans da uomo, domani top e minigonna. Oggi trucco evidente, domani zero. Ho un profumo unisex, accessori unisex e scarpe unisex perché qualcosa di fisso e caratteristico ho bisogno di averlo. I capelli li porto lunghissimi perché mi piacciono, e perché con i capelli corti starei male (ho le orecchie a sventola). I commenti degli altri circa il mio stile oscillano fra il "Che figata, non ti dai limiti di genere" e il "Ma ti decidi? Ma che cazzo fai?". Mia madre ormai si è abituata al fatto che nei negozi di abbigliamento non si dà un'ochiata solo al reparto donna, all'inizio era sconvolta all'idea e si sentiva a disagio fra camicioni e cravatte.

    Mentalmente, sono una donna abbastanza inquadrata nello stereotipo di donna. Molte seghe mentali, emotività complessa, sovra-sensibilità, mi piacciono i bambini i gattini e le storie d'amore (meglio se tormentate); scappo se vedo un insetto, non so aprire i barattoli, sono delicatina. Ma ho anche un lato che esula, mi piace tutto ciò che è dark e dissacrante, so cos'è un fuorigioco, non faccio la gnègnè e non penso di essere il sesso considerato debole, urlo davanti ai videogiochi, sputo e dico più parolacce di quelle che una donna tipo si permette di dire, non mi preoccupo di apparire volgare e non sono il tipo che si siede a gambe incrociate mentre qualcuno le porta da bere qualcosa che non pagherò perché "sono gli uomini a dover pagare" (che cliché ridicolo).
    A me tutte queste cose sembrano sciocchezze, ma è ciò che fa sì che gli altri mi vedano come un connubio strano fra aspetti maschili e femminili, con prevalenza femminile nello stile di pensiero.
    Valentarondinella61SophiafriedenEowynFabrizioVaderwolfgang
Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online