Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Sino a quando si è "ragazzi"?

Sento spesso chiamare "ragazzo/a" persone di 40 o 50 anni,
Volevo sapere secondo voi sino a che età si può usare questo termine senza scadere nel ridicolo.
Poi è cambiato il vostro uso nel tempo?

Io da mentalità rigida Aspie lo uso sino ai circa 35/37 seppure non sia un età poi così distante dalla mia..dopo diventano tutti signore o signora, uomo o donna nel parlare con altri.

Buona serata!
ct87RobK
«13

Commenti

  • ct87ct87 Colonna
    Pubblicazioni: 2,956
    Io personalmente potrei arrivare fino a 124 anni e sentirmi una ragazza. Il fatto di esserlo concordo 35/37 anni, dopodiché si è già signore/i
    ValentaAndato_87
    Sapere Aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza
  • UllastroUllastro Veterano
    Pubblicazioni: 2,752
    Non saprei dire fino a quando si è ragazzi, ma sono convinto che ci siano persone che balzano automaticamente dall'infanzia alla vecchiaia senza passare dalla adolescenza, giovinezza, maturità e neppure dal Via!

    Penso che la questione non sia relativa soltanto all'età anagrafica, ma ad un insieme di elementi (atteggiamento, linguaggio, abbigliamento/aspetto esteriore, contesto eccetera). 
    La mia scala approssimativa è:
    - fino ai 16 anni: bimbominkia
    - dai 16 ai 20/22: pivello / ragazzino
    - dai 20/22 ai 28/33: ragazzo
    - oltre i 30 circa: uomo / signore
    (spesso gli studenti universitari tendono a far slittare in avanti il passaggio "pivello" a "ragazzo")

    Casi particolari:
    - tardona / milf / cougar (fascia d'età e significato variabile)
    - rimbambito / matusalemme (solo quando appropriato: prevalentemente se alla guida o in mezzo ai piedi)

    Life is Short! (Play more..)



    fattore_aIndecisovanessaAndato_87M00NYValentaAndato46Giulor
    Ogni calcio nel culo ti fa fare un passo avanti
  • vanessavanessa Colonna
    Pubblicazioni: 1,163
    Direi fino a trent'anni, poi si dovrebbe essere adulti, in Toscana, più che altro a Livorno, quando si saluta un gruppo di amici si dice ciao bimbi/ciao bimbe anche se l' età media del gruppo è di novant'anni
    ct87ShadowLineValentaAndato46
  • GecoGeco Colonna
    Pubblicazioni: 1,500
    Per a me 27/28 anni diventi uomo/donna e non più ragazzo/ragazza: diciamo l'età in cui gli studi (salvo casi particolari) sono terminati.
    @vanessa non a caso invecchiando si torna bambini!!!!!
    Ciao.
    Valenta
  • Andato_87Andato_87 Andato
    modificato May 2015 Pubblicazioni: 3,049
    Io a 27 anni mi sento ancora ragazzo, e potrei sentirmi così fino a 50 anni (ma non voglio pensarci). Non ho idea di quale dovrebbe essere il limite, ma io inizio a considerare come “uomo” o “donna” una persona dai 30 anni in su.
    Ma quando avevo 20 anni, credevo di dover considerare “uomo” chi ne aveva almeno 25 o 26. Insomma, è un casino.
    Credo avrò questa percezione finché vivrò da “figlio”.
    Sono cresciuto in un ambiente in cui, anche se hai già 18 anni, per i genitori sei sempre il loro “bimbo”.
    ct87Monica76Valenta
    Post edited by Andato_87 on
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 11,132
    Dipende dagli occhi di chi guarda. A 33 anni mi vedo ragazzo, sono giovanile ed anche i ventenni mi vedono più come ragazzo, piuttosto che un "uomo", eppure l'undicenne magari mi chiama "signore".
    Il mio capo è un quarantaduenne molto giovanile e vedo anche lui come ragazzo, eppure a vent'anni utilizzare questa parola per casi del genere mi avrebbe fatto venire i brividi, un po' come ora, quando sento cinquantenni dire "quello è un ragazzo della mia età"... L'età sta nella testa delle persone, sia di quelle che "non si sentono gli anni addosso", che di quelli che li guardano.
    M00NYvanessaValentamandragola77silvia78Kalia
  • ValentaValenta SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 10,051
    A me ad esempio danno già della signora.

    Comunque ho uno zio scapolo che ha sempre vissuto in famiglia, e mi viene da considerarlo un ragazzo, come diceva @A87..
  • CorocottasCorocottas Pilastro
    modificato May 2015 Pubblicazioni: 1,322
    "Raqqas" nell'arabo dialettale dei paesi abitati da genti di origine berbera (prevalentemente i territori corrispondenti a Marocco e Algeria) significa "garzone", e con un significato similare è passato all'italiano. Perciò il ragazzo è primariamente un apprendista, un aiutante (ragazzo di bottega, oggi spesso trasformatosi nel "ragazzo di studio" che fa il tirocinio da avvocato, commercialista o ingegnere). Per cui si tende a identificarlo con una persona di età non troppo avanzata, ma neanche così tenera da non poter essere in grado di apprendere e migliorare. Si può essere ragazzi a sei anni come a trenta; dopo i trenta (approssimativamente), si può comunque continuare a essere definiti "ragazzi" in particolari occasioni che prevedano un'interazione sociale considerata più tipica della giovane età. Se un uomo di cinquant'anni ci chiede un'informazione neutrale per strada, lo qualificheremo come "signore", ma se, per dire, quella stessa persona ce la ritroviamo come compagno di bevute in una serata allegra, tenderemo a definirlo "ragazzo". Secondo me è più o meno così.
    Valentamandragola77vanessa
    Post edited by Corocottas on
  • geekjakegeekjake Veterano
    Pubblicazioni: 404
    Personalmente, credo che una persona possa essere considerata pienamente adulta dai 28-31 anni.
    Valenta
  • Andato47Andato47 Veterano Pro
    modificato May 2015 Pubblicazioni: 603
    Penso che dipenda dall'aspetto esteriore e non dall'età anagrafica, almeno sino a quando non si hanno tutti i capelli bianchi. Penso anche che molto dipenda dall'interlocutore: se è molto più vecchio di noi o molto più giovane. Io, tendo a non rispondere se mi chiamano "signora", perché non realizzo che si riferiscono a me, salvo nel caso che io sia l'unica presente... in quel caso mi sento molto a disagio perché non mi sento assolutamente i miei anni! :)
    Valenta
    Post edited by Andato47 on
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata)
    Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online