Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Vita di coppia NT/ND

18910111214»

Commenti

  • Pubblicazioni: 3
    Grazie mille Wolfgang, gentilissimo :)
  • PulpetzPulpetz Veterano Pro
    Pubblicazioni: 791
    Io sto impazzendo... sono sposata con una donna NT che omette sistematicamente ciò che sta pensando veramente. A me arriva che c'è qualcosa che non torna, glielo dico, provo a spiegarle che questo mi fa sentire inquieta e confusa, ma lei dice che si sente giudicata e non comprende a fondo la cosa che sto cercando di dirle. Esempio, quanto mi fisso molto su qualcosa e continuo a parlarne, lei non è in grado di dirmi che lo sto facendo, quindi subisce, io percepisco qualcosa e finisco per sentirmi sbagliata, inquieta, come se mi arrivasse a specchio il suo fastidio. Solo che, non esplicitandolo, non riesco a quantificare quanto lei sia realmente insofferente. Cosa che comprenderei facilmente se lei avesse l'onestà e il coraggio di farmelo notare in modo pacato. Io lo faccio e ho bisogno di riceverlo. Le ho anche fatto l'esempio di quando mia mamma si infossa e parla continuamente di qualcosa, tendenzialmente di un problema; io le dico "mamma, però basta parlare di sta cosa, poi tu ti deprimi e a me viene l'ansia". Lei capisce perfettamente, perché non risulto offensiva, e si va avanti a chiacchierare. Se subisco una non trasparenza generale, da tutta la vita, senza poter fare nulla, ora mi chiedo se sia giusto per me aver scelto di stare con qualcuno che non riesce ad essere trasparente con me. Cosa posso farci se tutto ciò mi destabilizza nel profondo? Non è un capriccio o un'impuntatura, ma proprio sentirsi lacerati dai dubbi e dalla confusione. Io non so esattamente chi ho davanti, amo qualcuno che, forse, nemmeno conosco davvero. Questo mi terrorizza, e non c'è modo di farglielo capire, ogni volta si litiga. Poco fa stava partendomi un meltdown, ma mi sono calmata scrivendo qui. Sento che non sarò in grado di sostenere a lungo questa tensione, e penso spesso che vorrei tornare a stare da sola, per non sentirmi più così. Meglio sola che presa in giro, mi dico. Poi so che non è propriamente prendere in giro, lei attua una bugia sociale nei miei confronti, continuamente, in tutte le cose. Ma se non c'è trasparenza tra due coniugi, che senso ha? Per me è il fondamento del matrimonio: amore e onestà, trasparenza, essere se stessi, nel bene e nel male. Se no sto da sola.
    Qualcuno può comprendermi? Sono molto triste...
    davidNemoleilaMononokeHimeJAA005rondinella61
    "Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c'è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica".
    Albert Einstein

    "Il cavaliere coraggioso è quello senza armatura"
    Pulpetz

    "Solo il viandante, che ha peregrinato nel suo infinito mondo interiore, potrà accostarsi all’Anima, scoprendo che per anni altro non ha fatto che cercare Lei, poiché Lei è dietro e dentro ogni cosa. I viaggi, si fanno per cercare Anima e le persone si amano in quanto simboli di Anima."
    Carl Gustav Jung
  • NemoNemo Moderatore
    Pubblicazioni: 3,533
    @Pulpetz : da una vita lotto perché il pensiero venga esplicitato e non ci siano dei "non detti" o delle cose "sottointese".

    Comprendo benissimo il tuo stato d'animo e ti dico solo: persevera nel cercare il dialogo e chiedi che ti venga esplicitato il problema. A costo di essere un po' pesante, ma se le cose rimangono in sottofondo, inespresse, alla lunga il ménage scoppia.
    Pulpetzleilarondinella61
    Memento Mori
  • PulpetzPulpetz Veterano Pro
    Pubblicazioni: 791
    Nemo ha detto:

    @Pulpetz : da una vita lotto perché il pensiero venga esplicitato e non ci siano dei "non detti" o delle cose "sottointese".

    Comprendo benissimo il tuo stato d'animo e ti dico solo: persevera nel cercare il dialogo e chiedi che ti venga esplicitato il problema. A costo di essere un po' pesante, ma se le cose rimangono in sottofondo, inespresse, alla lunga il ménage scoppia.

    Lei dice che, a volte, il mio modo di esprimermi la mette in soggezione e quindi fa fatica a dire la sua ed essere spontanea. E' un modo di esprimermi dove pontifico, parlo senza filtri e faccio ragionamenti complessi e tachipsichici; a lei piace molto questa mia modalità nel mondo, mi dice, ma quando avviene in un discorso con lei, le viene ansia da prestazione. Allora le ho chiesto se sono aggressiva o se mi comporto da "fascista" senza accorgermi, ma lei dice che no, non è così, è solo che sono dirompente. Per lei essere dirompente è un complimento verso di me, quindi non mi imputa nulla, se non un po' di saltuaria supponenza (che ammetto di avere, talvolta). Io penso di essere una persona assertiva, che sa discutere con gli altri, anche con toni accesi, ma sempre con rispetto e dialogo costruttivo, non per aver ragione a tutti i costi. E mia moglie stessa dice che è proprio così. Quindi mi arrovello per capire come mai lei si senta così con me, perché questo mi fa pensare che non sia felice davvero, anche se lei dice che le riempio il cuore. Penso che non sia davvero felice perché, sentendosi frenata, non può esprimere se stessa liberamente, e con tutti gli altri non ha questo problema. E' una persona molto diretta, talvolta anche lapidaria, e con me si tiene e si reprime perché le metto soggezione; mi tratta come un cristallo allo stesso tempo, ha sempre paura che io rimanga male se mi dice le cose. Ora abbiamo discusso perché io continuo a tornare sull'argomento e dice che parlarne troppo non serve (poi è andata in semi-para perché mi ha detto questa cosa e aveva paura di avermi offesa). Ma è vero, probabilmente con lei non serve parlarne continuamente, ma non riesco a stare tranquilla, perché penso che, se troverà una persona meno "dirompente", con cui riuscirà a esprimersi liberamente, mi lascerà. E così, vivo nell'ansia e mi sento sbagliata come persona. E continuo a sentirmi di merda.
    leilarondinella61
    "Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c'è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica".
    Albert Einstein

    "Il cavaliere coraggioso è quello senza armatura"
    Pulpetz

    "Solo il viandante, che ha peregrinato nel suo infinito mondo interiore, potrà accostarsi all’Anima, scoprendo che per anni altro non ha fatto che cercare Lei, poiché Lei è dietro e dentro ogni cosa. I viaggi, si fanno per cercare Anima e le persone si amano in quanto simboli di Anima."
    Carl Gustav Jung
  • rondinella61rondinella61 Pilastro
    Pubblicazioni: 1,586
    @Pulpetz
    Per qualche hanno ho avuto un rapporto sentimentale con una persona che probabilmente era Asperger, e mi sono trovata nella (forse) stessa situazione di tua moglie. Ammiravo e amavo tantissimo quel uomo, ed ero spesso in soggezione di fronte a lui. Essere in soggezione significava, per me, sentirmi non all'altezza, quasi non meritevole del suo amore. Quindi, ero alla costante ricerca di migliorarmi, e dunque anelavo in modo morboso a un suo complimento e apprezzamento. Mi sentivo come se ogni giorno dovessi affrontare un esame da superare a pieni voti.

     Pertanto, davanti a lui cercavo di mettermi la maschera della donna forte, comprensiva, senza debolezze e senza bisogni, e mi guardavo bene dal muovere critiche e rimostranze nei suoi confronti, cosa che mi avrebbe fatta apparire come "problematica".  Poi, quando ritornavo a casa, mi sfogavo con crisi di pianto a non finire...

    Lui, al pari di te, si era accorto che non ero felice, me lo diceva spesso, e aggiungeva "forse è meglio, per te, se ti lascio libera =se ci lasciamo", cosa che mi terrorizzava e quindi mettevo ancora di più la maschera della donna forte e serena.

    E' duratata meno di 3 anni, poi io ho mollato, non ce la facevo più a sopportare la tensione.

    (P.S. A dirla tutta, all'inizio del rapporto avevo provato a parlargli degli aspetti di lui che mi facevano soffrire, lui si era dimostrato comprensivo e mi sono accorta che per un breve periodo ha cercato di porvi rimedio, senza però riuscirci sul lungo termine: alla fine avevo capito che il carattere, la personalità, il modo di porsi, erano quelli e io dovevo farmeli andare bene se volevo stare con lui) . 
    amigdalaNemoPulpetz
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online