Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Io come pronome

riotriot Moderatore
modificato July 2014 in Altre diversità...
Ho ritrovato un nastro registrato in casa con la mia famiglia risalente a quando avevo 9 anni. Purtoppo pero' parlo pochissimo e quindi si colgono scarsi elementi.

Ad un tratto, quando mio padre mi chiede una cosa direttamente ecco che m'imbarazzo a  rispondere al microfono e, per tagliare corto, dico in italiano perfetto: "Io non mi ricordo".

La correttezza della frase in un contesto informale mi ha fatto ricordare di aver letto da qualche parte che anteporre il pronome personale quando non e' strettamente necessario, puo' avere un significato espressivo extra linguistico. Ne sapete qualcosa?
Post edited by Andato_Sim on

Taggata:
«1

Commenti

  • Mattia212Mattia212 Veterano
    modificato July 2014 Pubblicazioni: 756
    Lo ha sicuramente.. abbiamo anche qui molti esempi.. ci sono utenti del forum che utilizzano molto più spesso del necessario il pronome "io"..
    Post edited by Mattia212 on
  • BohBoh Veterano
    Pubblicazioni: 676
    Primo fra tutti, @Simone.

    Io (l'ho usato!) non credo che sia in realtà una cosa a cui dare molta importanza.

    Nei due casi "estremi": non usarlo mai e usarlo sempre diventa una parte del proprio stile di scrittura.
    Asperger probabile, non diagnosticato.
  • answer42answer42 Membro Pro
    Pubblicazioni: 136
    In linea di principio sì, esplicitare il pronome "io" dove non è indispensabile può aggiungere significati alla frase. Poi dipende dal contesto, da quanto il pronome viene sottolineato con la voce, eccetera.
    Però ci andrei cauto con le generalizzazioni, perchè esistono grosse variabilità non solo regionali, ma anche individuali nell'utilizzo del linguaggio. Soprattutto se si parla di bambini, che possono avere dei vezzi linguistici del tutto personali. 
    A livello puramente teorico sottolineare marcatamente "io" potrebbe avere un significato di esclusione, di delimitazione della propria persona rispetto a tutti gli altri, quindi a volte con implicazioni difensive, oppure allusive o assertive. Per esempio:
    "Avete risolto il problema?" "IO ho risolto il problema" = io da solo e non io insieme agli altri, è tutto merito mio.
    "IO laggiù non ci vado" = ho troppa paura per andarci o lo ritengo stupido, quindi se volete andarci andateci pure, ma non pensiate di potermi coinvolgere.
    Però questi significati vanno valutati di caso in caso. Io (:D) ho cercato di fare due esempi il più possibile evidenti, ma una frase come "Oh, io adoro l'ananas!" non esprime nulla di particolarmente diverso da "Oh, adoro l'ananas!", a meno che non sia intesa come  "Oh, IO adoro l'ananas, [e quindi sono felice che sia disponibile, ma al mio amico che cenerà con noi non piace affatto, quindi sarebbe bene procurarci qualcos'altro da mangiare]". Insomma, esistono anche le semplici preferenze personali nel linguaggio.
     
  • vanessavanessa Colonna
    Pubblicazioni: 1,163
    Il pronome io come tanti elementi non essenziali del discorso può servire a rafforzare i concetti, come quando si gesticola mentre si parla.
    Io uso più pronomi del normale dopo aver letto o scritto in francese: mi faccio influenzare.
  • yugenyugen Mastro Libraio
    Pubblicazioni: 1,888
    In linea di principio sì, esplicitare il pronome "io" dove non è indispensabile può aggiungere significati alla frase. Poi dipende dal contesto, da quanto il pronome viene sottolineato con la voce, eccetera.
    Però ci andrei cauto con le generalizzazioni, perchè esistono grosse variabilità non solo regionali, ma anche individuali nell'utilizzo del linguaggio. Soprattutto se si parla di bambini, che possono avere dei vezzi linguistici del tutto personali. 
    A livello puramente teorico sottolineare marcatamente "io" potrebbe avere un significato di esclusione, di delimitazione della propria persona rispetto a tutti gli altri, quindi a volte con implicazioni difensive, oppure allusive o assertive. Per esempio:
    "Avete risolto il problema?" "IO ho risolto il problema" = io da solo e non io insieme agli altri, è tutto merito mio.
    "IO laggiù non ci vado" = ho troppa paura per andarci o lo ritengo stupido, quindi se volete andarci andateci pure, ma non pensiate di potermi coinvolgere.
    Però questi significati vanno valutati di caso in caso. Io (:D) ho cercato di fare due esempi il più possibile evidenti, ma una frase come "Oh, io adoro l'ananas!" non esprime nulla di particolarmente diverso da "Oh, adoro l'ananas!", a meno che non sia intesa come  "Oh, IO adoro l'ananas, [e quindi sono felice che sia disponibile, ma al mio amico che cenerà con noi non piace affatto, quindi sarebbe bene procurarci qualcos'altro da mangiare]". Insomma, esistono anche le semplici preferenze personali nel linguaggio.
     
    </blockquot

    davvero ottima spiegazione!!


  • Lycium_bLycium_b Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,868
    Io inizio una frase su due con io :D.
  • answer42answer42 Membro Pro
    Pubblicazioni: 136
    @kokorozashi: Grazie :) temevo di essermi dilungato un po' troppo.
    (E scusa il ritardo, ma non mi era comparsa la notifica della tua risposta, così l'ho vista solo ora).
  • marielmariel Senatore
    Pubblicazioni: 1,551
    Io invece non sopporto quando qualcuno comincia la frase premettendo  il mio nome, mi sembra quasi un modo per rimproverarmi, anche se la frase potrebbe essere banale.
  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    Pubblicazioni: 3,054
    Lo ha sicuramente.. abbiamo anche qui molti esempi.. ci sono utenti del forum che utilizzano molto più spesso del necessario il pronome "io"..
    Sono molte le persone che abusano del pronome "io", a questo mondo. Personalmente non so se mi capita, sono andata a rileggere i miei vecchi post ma non ho capito se lo faccio o no. Quello che mi piace, e che coccolo volentieri, è il pronome "noi", anche se spesso quel "noi" si rivela una proiezione.
    Un tempo la mia analista mi diceva "sei superegoica" intendendo che al posto dell'Io avevo un guardiano feroce e intransigente. E forse anche molte persone che abusano della prima persona singolare parlano in nome e per conto di quel feroce guardiano che li incatena.
    Ma come dicevano i Rolling, "time is on our side" 
    aspirina

    >:D<
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    Pubblicazioni: 3,054
    a proposito dei Rolling. al concerto dell' 82 a Napoli, io c'ero
    e non me ne frega niente di essere off topic , le divagazioni sono utili anch'esse nelle chiacchierate fra amici
    oh
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online