Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

L.A. Noire videogioco che aiuta a riconoscere le espressioni facciali

davidemosconedavidemoscone SymbolSenatore
modificato November 2011 in Informatica e videogames

L.A. Noire
Riconoscere se una persona mente
o meno attraverso l'espressioni facciali


image


Dallo scorso 11 novembre è disponibile in italiano il videogame poliziesco L.A. Noire, ambientato nella Los Angeles del 1947.
L'agente Cole Phelps deve risolvere una serie di crimini come omicidi, casi di droga, incendi dolosi, ecc. districandosi in mezzo a casi di corruzione nella polizia.
L'interazione dei personaggi è molto elevata e incentrata sulla risoluzione di casi come si trattasse di un poliziesco. Per ricreare le scene del crimine sono state utilizzate delle reali foto di repertorio che la Polizia di Los Angeles e i fotografi scattarono nel 1947. Tutto ciò rende assai realistico il gioco.

Ma la particolarità di questo gioco come ha osservato Tony Attwood, sta nel fatto che per proseguire nelle indagini il giocatore dovrà interpretare le espressioni facciali dell’interlocutore per capire se sta dicendo la verità o se sta mentendo, sia durante gli interrogatori che in semplici chiacchierate coi passanti.

Questo gioco ripropone in forma ludica un esercizio di riconoscimento delle espressioni facciali che in modo più sistematico e completo viene realizzato tramite il programma Mind Reading di Simon Baron-Cohen.

Qualcuno ci ha già giocato, che impressioni ne avete avuto?
Post edited by davidemoscone on

Commenti

  • GabrieleGabriele Veterano
    Pubblicazioni: 123
    L'ho provato e non mi ha entusiasmato particolarmente come videogioco, perciò non ho approfondito.
    Effettivamente non avevo pensato all'utilità che potrebbe avere nell'aiutare a imparare a leggere meglio le espressioni facciali. Gli darò una seconda chance :)
    La coscienza di "AC" abbracciò tutto quello che un tempo era stato un Universo e meditò sopra quello che adesso era Caos. Un passo alla volta, così bisognava procedere.
    <<LA LUCE SIA!>> disse "AC".
    E la luce fu...
  • GabrieleGabriele Veterano
    Pubblicazioni: 123
    Carino come gioco, ma dopo un po' stanca. Le espressioni in alcuni casi non sono semplici, forse anche per il fatto che la grafica è quella di un videogioco. In altri videogiochi i volti sono così somiglianti che a volte sembra siano persone vere, mentre in L.A. Noire non sono stati curati così tanto. Si sono concentrati molto sulle espressioni e un po' meno sui dettagli dei volti. Il livello dei dettagli comunque è buono, ma avrebbe aiutato molto una qualità maggiore.
    Il gioco in se è molto ripetitivo, ma d'altra parte questo può essere un pregio per chi vuole allenarsi sul riconoscimento di espressioni facciali e menzogne.
    C'è poca liberta, ma anche questo è irrilevante.

    Interrogando i personaggi durante le indagini abbiamo 3 opzioni a disposizione: asseconda, forza, accusa.
    Accusa si utilizza quando possiamo provare la colpevolezza di un indiziato; asseconda quando crediamo all'indiziato e vogliamo che continui la deposizione; forza quando non crediamo all'indiziato ma non abbiamo le prove per dimostrare che l'indiziato menta, pertanto il protagonista tenterà di farlo confessare o fargli rivelare dettagli che possano portare a scoprire il colpevole (alzando la voce, proponendo sconti di pena ecc...)

    Il gioco non l'ho ancora finito, ma mi è capitato varie volte di pensare che una delle 3 opzioni avesse come risultato una determinata azione del protagonista, mentre invece quell'azione veniva compiuta solo scegliendo un'altra delle 3 opzioni. Ad esempio, in alcuni casi ho scelto "forza" pensando che il protagonista avrebbe cercato di far capire all'indiziato la sua situazione in caso di non collaborazione, spingendolo così a collaborare, mentre invece si è limitato ad alzare la voce e ad accusarlo. La scelta corretta in questo caso era "asseconda", ma non potevo saperlo prima.
    Nella maggior parte dei casi comunque si riesce a prevedere più o meno correttamente quello che verrà fatto selezionando le diverse opzioni, per cui la parte più complicata, generalmente, è quella del riconoscimento delle menzogne.
    Personalmente non mi piace molto il fatto di sapere subito se le risposte scelte sono corrette o no, in quanto nella vita reale non lo sapresti, però in questo modo è più facile allenarsi per il nostro scopo, quindi poco male.

    Giudizio da videogiocatore: 7/10
    Giudizio da Asperger che cerca di migliorare nel riconoscimento delle menzogne e delle espressioni facciali: 8,5/10

    (Il giudizio potrebbe variare da qui alla fine del gioco^^)
    La coscienza di "AC" abbracciò tutto quello che un tempo era stato un Universo e meditò sopra quello che adesso era Caos. Un passo alla volta, così bisognava procedere.
    <<LA LUCE SIA!>> disse "AC".
    E la luce fu...
  • davidemosconedavidemoscone SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 488
    Ciao Gabriele ti ringrazio per la tua precisa e dettagliata descrizione della situazione di gioco di L.A. Noire, soprattutto in riferimento all'aspetto che avevo messo in risalto nel mio post. Mi sembra di capire che per il momento la tua votazione di 8,5 ci dice è un modo utile oltre che divertente, di esercitarsi nel riconoscimento delle espressioni facciali.

    Da come scrivi intuisco che sei un appassionato di videogames, che ne diresti di aprire un post sui titoli con i quali giochi di più, aprendo una discussione sulle preferenze degli utenti del forum di SA sui videogames, in particolare su quelli multiplayer? Dobbiamo decidere che gioco installare in occasione dell'inaugurazione del 13 dicembre, potrebbe aiutarci nella scelta!

    ciao! 
    :)
  • GabrieleGabriele Veterano
    Pubblicazioni: 123
    Ciao Gabriele ti ringrazio per la tua precisa e dettagliata descrizione della situazione di gioco di L.A. Noire, soprattutto in riferimento all'aspetto che avevo messo in risalto nel mio post. Mi sembra di capire che per il momento la tua votazione di 8,5 ci dice è un modo utile oltre che divertente, di esercitarsi nel riconoscimento delle espressioni facciali.

    Da come scrivi intuisco che sei un appassionato di videogames, che ne diresti di aprire un post sui titoli con i quali giochi di più, aprendo una discussione sulle preferenze degli utenti del forum di SA sui videogames, in particolare su quelli multiplayer? Dobbiamo decidere che gioco installare in occasione dell'inaugurazione del 13 dicembre, potrebbe aiutarci nella scelta!

    ciao! 
    :)
    Guarda io andrei sicuro su Portal 2 (in multiplayer si gioca in coppia).

    Questo è un trailer che spiega le dinamiche del gioco (riguarda Portal e non Portal 2, ma il funzionamento è il medesimo):



    questo invece è un trailer per la versione multiplayer di Portal 2:

    La coscienza di "AC" abbracciò tutto quello che un tempo era stato un Universo e meditò sopra quello che adesso era Caos. Un passo alla volta, così bisognava procedere.
    <<LA LUCE SIA!>> disse "AC".
    E la luce fu...
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online