Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Lego Therapy - come ‘insegnare’ a giocare con le costruzioni

124»

Commenti

  • SmeagolSmeagol Membro Pro
    Pubblicazioni: 191
    @gufomatto79 hai ragione in pieno, come sempre!
    La svolta sta nel capire che bisogna andare per gradi (noi genitori in primis).
    Voglio pensare che la mia inesperienza iniziale e forse eccessiva fiducia in queste figure (che reputo cardine) dei mesi scorsi, siano stati sostituiti da una maggiore consapevolezza; sicuramente non mi faccio più peli sulla lingua e dico e contraddico ciò che non mi torna subito..

    Non mi vergogno a dire che ero finita nel turbine di emozioni e sentimenti che non riuscivo più a gestire. Ed all’inizio appunto abbiamo vissuto con sta pressione ‘dell’intervento precoce’, quindi avevo paura se non si facevano le cose giuste, che perdevamo sempre tempo e poi appunto, sta miriade di competenze che mica tutti i bambini hanno ancora (a parte il parlare), però i nostri figli... visto che potrebbero metteterci di più, gli si insegnano o si cerca anche quando non sono pronti (e non solo anagraficamente).

    Non abbiamo mai fatto aba. Noi attualmente facciamo psicomotricità e logopedia (È possibile Però che fra qualche mese si inserisca terapia funzionale al posto della logopedia).
    Abbiamo Seguito per qualche mese nel lockdown terapia Denver a casa, ma alla fine forse si stava impostando in maniera troppo strutturata e lui ne Ha risentito.

    La terapista in questione però era la prima psicomotricista in assoluto con cui ci siamo interfacciati, ma come scrissi in 1altro post, il problema maggiore secondo me è che lei non avesse esperienza con bambini così piccoli (al tempo nemmeno 2anni), non sapeva nemmeno tenerlo in braccio, figuriamoci contenere...
    gufomatto79
  • marcusmarcus Membro
    Pubblicazioni: 125
    Smeagol ha detto:

    @gufomatto79 hai ragione in pieno, come sempre!
    La svolta sta nel capire che bisogna andare per gradi (noi genitori in primis).
    Voglio pensare che la mia inesperienza iniziale e forse eccessiva fiducia in queste figure (che reputo cardine) dei mesi scorsi, siano stati sostituiti da una maggiore consapevolezza; sicuramente non mi faccio più peli sulla lingua e dico e contraddico ciò che non mi torna subito..

    Non mi vergogno a dire che ero finita nel turbine di emozioni e sentimenti che non riuscivo più a gestire. Ed all’inizio appunto abbiamo vissuto con sta pressione ‘dell’intervento precoce’, quindi avevo paura se non si facevano le cose giuste, che perdevamo sempre tempo e poi appunto, sta miriade di competenze che mica tutti i bambini hanno ancora (a parte il parlare), però i nostri figli... visto che potrebbero metteterci di più, gli si insegnano o si cerca anche quando non sono pronti (e non solo anagraficamente).

    Non abbiamo mai fatto aba. Noi attualmente facciamo psicomotricità e logopedia (È possibile Però che fra qualche mese si inserisca terapia funzionale al posto della logopedia).
    Abbiamo Seguito per qualche mese nel lockdown terapia Denver a casa, ma alla fine forse si stava impostando in maniera troppo strutturata e lui ne Ha risentito.

    La terapista in questione però era la prima psicomotricista in assoluto con cui ci siamo interfacciati, ma come scrissi in 1altro post, il problema maggiore secondo me è che lei non avesse esperienza con bambini così piccoli (al tempo nemmeno 2anni), non sapeva nemmeno tenerlo in braccio, figuriamoci contenere...

    Infatti la smania dell'intervento precoce può essere dannoso sia per il bambino che per i genitori che sono stressati nel trovare strutture e terapisti per il loro piccoli stressandoli e basta. per quanto riguarda i lego anche mio figlio non è interessato ma perchè semplicemente non gli piace come gioco se tu non avessi la diagnosi di disturbo dell'evoluzione e tuo figlio non amasse i lego non ci penseresti più di 2 minuti e te ne fregherebbe il giusto. oggi  mio figlio gioca con i lego solo come supporto di altri giochi ad esempio ha visto l'uomo ragno in tv e allora costruisce la torre per far volare l'uomo ragno, o quando gioca con le macchinine costruisce il garage o il benzinaio, alle volte costruisce la casetta del MC donald e poi si ferma con la macchinetta e ordina hamburger e coca cola, quello che ti voglio dire prova ad unire i lego con qualcos'altro, facendo cosi mio figlio li prende da solo li costruisce senza neanche chiedermelo gioca autonomamente, prima non li guardava proprio.
    Smeagolgufomatto79
  • gufomatto79gufomatto79 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 737
    Oggi mia figlia ha costruito varie cose con i lego, come dice @marcus, tutte cose che fanno parte del suo mondo:il treno, l'altalena, un libro ma oggi è stata la prima volta. Li ha chiesti lei e l:ho solo supportata. Consiglio di non dire proprio nulla, stare vicino e non proporre niente da costruire. Lo scrivo solo dopo anni di prove. Se mia figlia non sa come funziona vuole fare comunque da sé, se ha bisogno semmai ti chiede ma io l'ho capito dopo tanto tempo. Prima mi mettevo là e iniziavo a dire costruiamo x o y? Usiamo questo? No, si fa così etc... E finiva tutto ancora prima di partire. Non era pronta, per lei era difficile e se non riusciva da sola non gestiva la frustrazione.
    Smeagolmarcus
  • gufomatto79gufomatto79 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 737
    Se ancora non è pronto allora meglio provare ad usare quel momento per relazionarsi e dire oh un pezzo giallo, uno nero! Oh accidenti non si attacca! Mi aiuti! E vedere che succede. A volte credo che i bimbi nella loro mente vorrebbero fare un gioco ma quando sono lì si rendono conto di quanto sia difficile e sempre lì ci infiliamo noi a fargli vedere come siamo bravi e magari siamo anche un po' nervosi perché vediamo che loro non riescono e perché abbiamo ansia per la loro prestazione. Ecco che loro mollano e anche male. Magari sono riflessioni inutili ma dopo tanto tempo, mi nascono spontanee queste riflessioni.
    chiocciolinaSmeagol
  • saskiasaskia Membro Pro
    Pubblicazioni: 136
    Ciao,anche mia figlia fino a 3 anni e qualcosa non ne volava sapere...lego,costruzioni ecc.Ai test mi dicevano che non faceva la famosa torre di cubi ma in realtà non la voleva fare a comando.
    Ha iniziato a interessarsi quando ha capito che con le costruzioni poteva creare case ecc per il gioco simbolico,ora i lego sono tra i suoi giochi preferiti.
    Ma come dicevo deve avere una finalità,non si mette ad impilare costruzioni solo per il gusto di farlo.
    Smeagol
  • SmeagolSmeagol Membro Pro
    Pubblicazioni: 191
    @marcus grazie! Ho preso giusto ieri i duplo con i personaggi e devo dire, nonostante li smonti sempre ;), mostra sicuramente più interesse spontaneo. Ancora non fa gioco simbolico ma si sta avvicinando molto. A differenza delle altre costruzioni (che sono in buste sigillate che mi porta per aprirgliele) i duplo sono lì a portata: va li smonta, li avvicina, prende solo un elemento ecc.

    Ma come dici tu, non lo avrei mai spinto ad usare le costruzioni se non me lo avessero messo “come una competenza da acquisire”!

    @gufomatto79 lui adesso li prende e ci fa i travasi (li mette in una ciotola, li butta e li rimette dentro) provo infatti con i colori o con le dimensioni o concetti topologici, ma naturalmente ancora non mi segue più di tanto. Ma fino a un paio di settimane fa (quando ho scritto il post) non voleva nemmeno che li toccassi senno grida e sbroccate varie, e magari non ci faceva nient’altro...

    Mentre l’osservavo fare questi travasi riflettevo sul gioco ‘funzionale’: in questo caso l’attività vera e propria è il travaso di oggetti, quindi la funzione è di mettere dentro/fuori.
    Sarebbe scorretto se io glieli levassi per costruire, perché difatti gli starei facendo cambiare gioco e se si arrabbiasse sarebbe anche comprensibile.
    Quindi Non credo sia in questo caso, un gioco ripetitivo, limitato e non funzionale da dover ‘reindirizzare’, che ne pensate?
  • gufomatto79gufomatto79 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 737
    @Smeagol sono d'accordo con te. Fallo giocare come meglio crede, puoi descrivere la forma o il colore ma non imporgli la costruzione a meno che lui non voglia. Supportalo in ciò he lui vuol fare non fare al posto suo. Cosa da me fatta tante e troppe volte. Il travaso non è stereotipia.
    Smeagol
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online