Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Perdita di abilità di mimetizzazione e di camaleontismo sociale

Sono una ragazza diagnosticata Asperger due anni fa all'età di 34 anni con punteggio 118 al RAAD-S. E' normale che dopo la diagnosi sembro peggiorata molto nelle mie capacità di camaleontismo sociale? Accade a tutte?
Ci sono stati periodi della mia vita, specie intorno ai 20-25 anni, in cui ero forse perfino insospettabile da quanto ero brava........oggi sembro avere praticamente perso tutto. Sarà anche colpa dello stress, ma davvero ho perso tanta capacità di socializzazione, entro più spesso in confusione, sono più goffa, ecc.

E' come se pensassi che tanto è inutile, si vedrebbe la finzione, e inoltre mi sembra anche più stupido farlo. E' frequente ciò di cui parlo nelle donne asperger diagnosticate?
Charadedavid
Post edited by ElementoAcqua on

Commenti

  • PamazPamaz Veterano
    Pubblicazioni: 212
    Ciao ElementoAcqua!

    Può essere che la diagnosi ti abbia messo molta insicurezza, e che da quel momento tu non abbia più visto in te stessa una ragazza socievole e aperta quale eri prima. Sono un uomo, ma quando mi è stato detto che ero Asperger sono diventato molto più timido e chiuso, e mi è successa la tua stessa identica cosa.
    ElementoAcqua
  • HoneyHoney Veterano
    Pubblicazioni: 242
    Ciao. Per ora posso dirti poco perché sono stata diagnosticata all'inizio di gennaio, quindi è passato poco tempo. Di una cosa però mi sono accorta..... è come se avessi buttato giù una maschera. Ad esempio, io socializzo normalmente all'inizio di una serata, ma poi mi stanco presto. Prima continuavo a fingere fino alla fine, ultimamente, dopo che mi sono stancata, non fingo più.... semplicemente sto più zitta
    BlunotteElementoAcqua
  • LupaLupa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 488
    Al di là di quello che può significare per te la consapevolezza della diagnosi e quindi come questa consapevolezza influisce sul tuo comportamento, anche il fattore età ed esperienze e stile di vita attuale può avere il suo peso.
    Io nel periodo tarda adolescenza primi anni di vita adulta ho raggiunto quello che per me è stato l'apice della socievolezza, non solo per la capacità di integrarmi ma soprattutto per la volontà di farlo. Con il tempo la voglia di socializzare si è ridotta, sono subentrati impegni lavorativi e uno stile di vita adulto più faticoso e meno svagato. Dopo i 30 sono tornata a essere tendenzialmente solitaria come quando ero bambina, con in più "l'aggravante" che ho potuto scegliere di sottrarmi a molte situazioni sociali nel tempo libero, cosa che non potevo fare da bambina: inevitabilmente le mie capacità di stare con gli altri si sono ridotte, anche se mi mantengo in allenamento con il lavoro con il pubblico, i pochi amici che ancora frequento e pure le interazioni virtuali che per me sono comunque un allenamento alla socializzazione.
    BlunottemammarosannaElementoAcquaMononokeHime
  • ilsensodellombrailsensodellombra Veterano
    Pubblicazioni: 110
    Hai provato a parlarne con uno specialista?

    Io ho vissuto una fase di peggioramento (confermata anche da una persona che mi stava vicino) subito prima e subito dopo la diagnosi a causa della "caduta della maschera". Non ho idea di quanto possa durare tale fase e come possa evolversi nel corso del tempo.

    In ogni caso quando prendi consapevolezza emerge anche in maniera molto più netta tutto ciò che prima era represso/nascosto/mascherato, credo sia anche una sorta di liberazione rispetto a quando si recitava per sembrare sempre "normali".
    Per quanto mi riguarda nella vita ho capito che più una consapevolezza è profonda più "costa" ottenerla.

    Poi oltre tutto questo entrano in ballo i fattori ambientali/situazionali, insomma le circostanze che mutano con il passare del tempo influenzandoci in maniera più o meno positiva.
    HoneyElementoAcquaMononokeHimedavid

    1,0 e √-1


  • ElementoAcquaElementoAcqua Membro
    Pubblicazioni: 62
    @Lupa

    mi è accaduto tutto uguale a te
    anche a me aiutava molto il lavoro al pubblico (consegne) che ho svolto per 10 anni fino al 2014, mantenevo le abilità sociali allenate tutto il giorno tutti i giorni

    al momento invece sono proprio ridotta che, specie nelle situazioni informali, mi devo proprio ricordare quasi tutto il tempo come si parla........specie sulle cose banalissime come i saluti, il presentarsi, il congedarsi come si deve, se non sto attenta posso pure dimenticarmi di dire qualcosa di importante e passare per maleducata
    Lupadavid
  • LupaLupa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 488
    @ElementoAcqua io non ho diagnosi quindi non ho esperienze in merito all'effetto "caduta della maschera", ma sono convinta che per chi vive difficoltà di socializzazione, sia NT o ND, l'allenamento sia un fattore molto importante. A me bastano poche settimane di isolamento (per esempio durante i mesi estivi) per accorgermi di una perdita di abilità sociali, soprattutto per quelle cose che sono diventate una abitudine ma che non mi vengono spontanee tipo lo small talk di circostanza. A differenza di quello che si dice di solito il virtuale a me aiuta a mantenere allenata la capacità di conversazione: poter pensare con calma a ciò che mi viene scritto e alle risposte da dare è come se mi fornisse una serie di casistiche da poter poi utilizzare nel quotidiano. Purtroppo non aiuta invece per ciò che ha un significato solo a tu per tu come gesti, posture, ecc.
    ElementoAcquaMononokeHimeBlunotte
  • CharadeCharade Colonna
    Pubblicazioni: 1,376
    Ciao, io ho scelto consapevolmente di smettere di fingere, prima ancora della diagnosi. Non voglio passare la vita a nascondermi, a recitare una parte. Come ci ha detto Moscone domenica, a lungo andare il masking porta a conseguenze importanti sul piano psicologico, se non psichiatrico. E io posso perdere tutti, ma non voglio perdere me stessa.
    ChristianLupaMononokeHimedavidElementoAcqua_Lilith_
    Devo vivere guardando il fiume che scorre.
  • ElementoAcquaElementoAcqua Membro
    modificato 18 February Pubblicazioni: 62
    Anch'io ho scelto di smettere di fingere, ad esempio non nascondo più il mio lato eccentrico, e non mi sforzo più di tanto quando ho bisogno dei miei momenti di silenzio e di chiusura, e nemmeno recito più parti di altri. Mi da solamente fastidio però farmi vedere un pochino "assente" quando mi serve essere concentrata in una discussione, soprattutto se si tratta di situazioni informali. Superare meglio quella pigrizia di non voler "uscire dal mio mondo" almeno in quei momenti, come sembravo saper fare molto meglio un tempo. Sono troppo distratta.
    Charade
    Post edited by ElementoAcqua on
  • _Lilith__Lilith_ Membro Pro
    modificato 19 February Pubblicazioni: 46
    Come ti hanno già detto altri, anch'io ho letto diverse testimonianze di persone Aspie che dopo la diagnosi si sono "concesse", in un certo senso, di buttare giù le proprie maschere e di mostrarsi a se stessi e agli altri per come sono realmente (per quanto la propria autoconsapevolezza sotterrata da una vita di finzione lo conceda, ovviamente), e quindi alla fine può capitare di sembrare più autistici, visto che quello siamo.
    Però... credo che dipenda anche dalla specifica maschera che ciascuno di noi indossa. La mia era più qualcosa del tipo "inibizione ed evitamento estremo delle situazioni sociali", oltre naturalmente a sensi di colpa assortiti, spesso indotti da altri. Con la consapevolezza e la diagnosi ho cominciato ad aprirmi, e, pur restando sempre molto introversa e portata all'evitamento, mi sono scoperta ben più socievole di quanto pensavo di essere (!).


    P.S. Comunque mi sa che eravamo in tanti domenica a Milano B-)
    CharadeBlunotteElementoAcqua
    Post edited by _Lilith_ on
  • Cuore_sanguinanteCuore_sanguinante Veterano Pro
    modificato 19 February Pubblicazioni: 745
    A me ricevere la diagnosi non ha causato grossi turbamenti. Almeno per il momento. Forse perché concomitante ad altri eventi, chissá. Però in tutta sinceritá non so come sono, non so chi sono, se uso maschere inconsapevolmente o se sono cosí.
    Io non so chi sono davvero.
    Cosí non mi piaccio, ma mi piacerebbe la mia vera indole? (ammesso che sia diversa da quella attuale?)
    BlunotteElementoAcqua
    Post edited by Cuore_sanguinante on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online