Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Pact

Buongiorno a tutti, qualcuno è a conoscenza di questo tipo di intervento precoce per bambini molto piccoli?

Grazie 

«13

Commenti

  • dad_guerrierodad_guerriero Membro Pro
    modificato 31 January Pubblicazioni: 101
    Leggendo su Internet non sembra molto diverso da quanto già esiste, alla fine nei bimbi piccoli cambia la sigla ma la sostanza è molto simile. L'importante è adattare l'intervento al singolo paziente.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • bigjoebigjoe Membro
    modificato 31 January Pubblicazioni: 66
    dad_guerriero ha detto:

    Leggendo su Internet non sembra molto diverso da quanto già esiste, alla fine nei bimbi piccoli cambia la sigla ma la sostanza è molto simile. L'importante è adattare l'intervento al singolo paziente.

    @dad_guerriero come procede a te?
    Noi abbiamo iniziato la settimana scorsa con la psicomotricità e ora vogliono farci fare questi PACT che credo sia simile al modello Denver.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • dad_guerrierodad_guerriero Membro Pro
    Pubblicazioni: 101
    Tutto bene. Il percorso prosegue senza intoppi di rilievo. Settimana prossima abbiamo l'incontro con il supervisore. Vediamo che dice.
  • adiadi Membro Pro
    modificato 31 January Pubblicazioni: 133
    Mai sentito parlare di questo metodo. Alla fine noi siamo tornati alla solo psicomotricità: É impossibile trovare una terapista Denver o Esdm dove abitiamo e non vogliamo più viaggiare.
    La psicomotricista di impronta Dir mi ha assicurato che adotta più di un approccio a seconda delle difficoltà del bambino, vediamo...
    Se ti fa piacere, tienici informati di come si lavora con questo metodo.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • bigjoebigjoe Membro
    Pubblicazioni: 66
    Ok vi terrò informati.
    dad_guerriero
  • bigjoebigjoe Membro
    modificato 31 January Pubblicazioni: 66
    adi ha detto:

    Mai sentito parlare di questo metodo. Alla fine noi siamo tornati alla solo psicomotricità: É impossibile trovare una terapista Denver o Esdm dove abitiamo e non vogliamo più viaggiare.
    La psicomotricista di impronta Dir mi ha assicurato che adotta più di un approccio a seconda delle difficoltà del bambino, vediamo...
    Se ti fa piacere, tienici informati di come si lavora con questo metodo.

    In effetti è quello che dovrebbe fare un buon psicomotricista! Adottare un metodo diverso da soggetto a soggetto


    --

    @dad_guerriero ciao. Posso chiederti quando tua figlia ha iniziato a parlare? Prendo te come riferimento sia perché la relazione medica è pressoché la stessa, sia perchè tua figlia ha iniziato il percorso di recupero alla stessa età di mio figlio.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • dad_guerrierodad_guerriero Membro Pro
    modificato 23 January Pubblicazioni: 101
    Ciao certo. La prima parola a 25-26 mesi (cracker), a 30 mesi diceva un centinaio di parole singole. Poi ha cominciato a combinarle piano piano. Ora a 3 anni ha un discreto vocabolario, spesso non si capisce cosa dice ma comunque comunica prevalentemente in maniera verbale.

    Se posso dirti cosa penso, penso non sia il caso di avere a riferimento il percorso di altri bimbi. Tuo figlio è unico e ha un percorso terapeutico che oggi non sai dove lo porterà. Nel giro di pochi mesi potrebbe recuperare tutte le competenze ( te lo auguro di cuore) come avere bisogno di terapia più intensiva e prolungata. Sicuramente è molto piccolo e questo gioca a vostro favore.
    Post edited by dad_guerriero on
  • bigjoebigjoe Membro
    modificato 31 January Pubblicazioni: 66
    dad_guerriero ha detto:

    Ciao certo. La prima parola a 25-26 mesi (cracker), a 30 mesi diceva un centinaio di parole singole. Poi ha cominciato a combinarle piano piano. Ora a 3 anni ha un discreto vocabolario, spesso non si capisce cosa dice ma comunque comunica prevalentemente in maniera verbale.

    Se posso dirti cosa penso, penso non sia il caso di avere a riferimento il percorso di altri bimbi. Tuo figlio è unico e ha un percorso terapeutico che oggi non sai dove lo porterà. Nel giro di pochi mesi potrebbe recuperare tutte le competenze ( te lo auguro di cuore) come avere bisogno di terapia più intensiva e prolungata. Sicuramente è molto piccolo e questo gioca a vostro favore.

    Grazie per la risposta. Chiaramente, come hai detto tu, ogni bambino ha i suoi tempi e non si possono fare paragoni. L'età gioca, come pure nel tuo caso, a nostro favore! Poi comunque oggettivamente se un bambino ha potenzialità te ne accorgi se sei un genitore molto attento e le parole della responsabile del centro mi hanno molto rasserenato al riguardo.
    A risentirci!

    --
    @dad_guerriero ciao. Ho una domanda da porti: Ma quando iniziaste psicomotricità 3 volte a settimana, quando poi tornavate a casa, che tipo di giochi facevate con la bimba?
    Post edited by Sniper_Ops on
  • dad_guerrierodad_guerriero Membro Pro
    Pubblicazioni: 101
    Ciao bigjoe. Allora in sintesi quello che abbiamo fatto i primi due tre mesi:

    1) Ripulire l'ambiente da qualsiasi tipo di gioco a portata della bimba. Abbiamo comprato diversi contenitori trasparenti, abbiamo categorizzati i giochi e messi a vista ma non disponibili. In parole povere: vuoi un gioco? Ce lo devi "chiedere"!

    2) I primi tempi i giochi che lei voleva fare erano prettamente di tipo meccanico e logico-funzionale (torri, puzzle e piccoli giochi meccanici) per cui per entrare in contatto con lei abbiamo fatto ore e ore di torri e puzzle (stando attenti ad avere sempre noi il controllo del gioco). Poi il cerchio si è allargato a dismisura fino ad arrivare al gioco simbolico con bambole, cucine, cullette ecc ecc,. All'inizio comunque MAI gioco libero.

    3) routine socio-sensoriali: è un termine preso dal Denver che indica secondo me la cosa più importante, che tocca poi la psicomotricità, cioè i giochi sensomotori con connotazione sociale e comunicativa. È difficile fare un elenco, ma sono potenzialmente infiniti e anche semplici.

    Ti faccio un esempio banale adatto ai bimbi piccoli. Prendi tuo figlio lo metti DI FRONTE a te e cominci a fargli cavalluccio fino a quando lo vedi interessato, magari gli ripeti un motivetto mentre lo fai. Al culmine del suo interesse ( qui devi capire tu qual è, mia figlia cominciava all'improvviso a guardarmi negli occhi) ti blocchi e aspetti che lui ti dia un segno per continuare, e poi concludi subito appena l'interesse diminuisce.

    Oppure gli prendi le manine e fai un giochino con le dita, da alzare e abbassare... Ecc ecc ecc.


    Oggi le routine sono dei semplici e normali giochi motori di famiglia tra me le mie figlie e mia moglie (nascondino, rincorrersi per casa, ecc ecc ecc ecc)
    riot
  • bigjoebigjoe Membro
    Pubblicazioni: 66
    A livello di giochi abbiamo due figli completamente opposti. Il mio va forte nei giochi sensomotori ( cavalluccio, nascondino, cucù tete, rincorrersi per casa dove si diverte e ha un buon contatto oculare) mentre la tua nelle costruzioni, nei puzzle, anelli dove il mio non è attratto, tanto è vero che stiamo molto lavorando su questi giochi e sul loro uso funzionale e sull'attenzione condivisa per questo tipo di giochi. Grazie e a presto
    dad_guerriero
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online