Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Sindrome dell'impostore

Ciao forum! Ogni tanto ritorno, vi lascio il link a questo test che mi sembra un po' semplicistico ma è un pretesto per parlare dell'argomento
Siete anche voi persone che pensano che prima o poi falliranno e verranno licenziate/tutti capiranno che si erano sbagliati su di voi, e in realtà valete poco?

CorocottascameliaEstherDonnellyMononokeHimerondinella61Tima_AndroidAmelieamigdalaDoor
DeveloperAsperger ~ ex tutor ABA
You split the sea
so I could walk right through it

Commenti

  • EstherDonnellyEstherDonnelly SymbolPilastro
    modificato 3 October Pubblicazioni: 2,734
    Yep. Da quando vivo all'estero sto facendo esperienza di cosa voglia dire essere trattata da essere umano e ottenere il giusto rispetto a quello che faccio, e per ogni cosa è come se mi si aprisse uno scomparto nel cervello adibito a calcolare cosa POTREBBE andare storto per fare il paio con cosa va dritto. Perché ho interiorizzato il concetto che mi merito rimproveri e ridimensionamenti pure fuori luogo, perché vedo prima le ragioni di chi mi critica rispetto alle mie, quindi fatico pure a vedere i torti che mi vengono fatti. È dentro di me, quando non sono altri a dirmi queste cose me le dico da sola. Ma l'inversione del trend, devo dire, mi sta insegnando a essere più schietta, più forte, e sto provando cose inedite che mi portano spesso a piangere dalla gioia. Sto scoprendo cosa vuol dire vivere davvero, non perché sono in condizioni agiate, ma perché vivo momenti di grazia in cui non sento quella voce nella testa che mi dice che non conto niente e che a breve se ne accorgeranno tutti. Sta sparendo. E se anche non sparisce, sto imparando a zittirla. Auguro a tutti voi di sperimentare questa sensazione perché la vita è tutta qui, davvero
    NemoMononokeHimerondinella61noryKaliaBlunottemarco3882vera68Mich1992KrigerinneAmelie
    Post edited by EstherDonnelly on
    ❤️
    but the Earth refused to die
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,161
    E' bello quello che hai scritto e sono contenta che tu ti stia sentendo così  :x
    Io forse, al contrario tuo (ma correggimi se sbaglio) non do importanza a quello che so fare, per me non è una ragione di vita, e sebbene io sia convintissima al 100% che crollerò all'improvviso, quando sarà chiaro che non sono capace, non mi pesa molto. In un certo senso trovo sia impossibile per me cambiare perché su questa questione non ci sto lavorando, l'ho sempre trascurata. Nel mio corso di programmazione ero l'unica a partire da 0 e sono arrivata tra gli unici 5 di 24 a riuscire a finirlo, e tra questi 5 sono l'unica che ha superato tutti i colloqui e che alla fine è stata mandata nell'azienda di IT migliore. Martedì comincio e ho davanti a me 10 giorni di prova. Io SO che in qualche modo fallirò. Chi mi dice che sono brava e ce la farò per me è una voce inesistente, e tra me e me penso "sì certo, per tenermi quelli devono aspettarsi NIENTE da me, perché non capisco niente e non sono abbastanza brava. Se le loro aspettative sono pari allo 0 allora mi terranno". E sento, davvero, che NULLA può cambiare questo modo di ragionare che ho. Ma contemporaneamente non mi sento una fallita per ciò, penso che sono altre le cose importanti nella vita, e che se dovessi crollare del tutto torno a casa a coltivare la terra.
    rondinella61AmelieAntaresEstherDonnellySniper_OpsnoryValentacameliaOrsoX2
    DeveloperAsperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea
    so I could walk right through it

  • rondinella61rondinella61 Colonna
    modificato 5 October Pubblicazioni: 1,476
    @Krigerinne
    Faccio un po' fatica a capire: tu sai che non sei brava nonostante l'evidenza dei fatti?!
     (ovvero che sei partita da 0 e sei stata l'unica a...ecc.ecc)

    Come si concilia la tua mente razionale e logica con questa incongruenza?
    Antares
    Post edited by rondinella61 on
  • MarkovMarkov Pilastro
    modificato 5 October Pubblicazioni: 8,789
    In passato l'ho avuta perché ottenevo feedback molto diversi, spesso opposti, a volte ad estremi opposti. Ora però ho capito come funziona l'omologazione e la giente che riesce a capire solo chi si adegua, e non succede più.
    Sniper_OpsAJDaisyMononokeHime
    Post edited by Markov on
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,161
    rondinella61 ha detto:

    @Krigerinne

    Faccio un po' fatica a capire: tu sai che non sei brava nonostante l'evidenza dei fatti?!
     (ovvero che sei partita da 0 e sei stata l'unica a...ecc.ecc)

    Come si concilia la tua mente razionale e logica con questa incongruenza?
    Penso che una mente razionale sia la migliore nel trovare argomentazioni a favore dei propri bias...
    Nello specifico potrei dire che io mi sono semplicemente impegnata molto, mi hanno presa perché ero la femmina più carina, perché ero una delle più giovani e quindi un investimento su di me è statisticamente più fruttuoso, ho chiesto molto consiglio ai primi due della classe, ho studiato bene proprio le domande che mi hanno fatto al colloquio, li ho catturati con la simpatia e la curiosità, e chi mi dice che sono brava è perché mi vuole bene e non è del campo, e chi è del campo come i miei due amici programmatori mi dice che sono brava perché sono miei amici e perché si aspettano meno di quello che si può aspettare un'azienda. Avere avuto una sorta di successo non significa che sono brava, ci possono essere milioni di spiegazioni diverse, tutte che non contemplano le mie doti.
    Gecorondinella61MononokeHimeEstherDonnellySniper_Ops
    DeveloperAsperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea
    so I could walk right through it

  • Cuore_sanguinanteCuore_sanguinante Veterano Pro
    Pubblicazioni: 523
    Anche a me dicono che sono competente sul lavoro eppure mi sento sempre l'ultima degli ultimi, anche se poi in qualche modo me la cavo e grossi casini non ne faccio. Ogni volta che mi fanno un complimento mi sembra cosí assurdo che penso mi stia prendendo in giro. Tuttavia arrivano complimenti da piú parti anche non conoscenti tra di loro, forse un fondamento di veritá c'é, vorrei tanto riuscire a vederlo pure io
    Sniper_OpsmammarosannaMononokeHimevera68Kalia
  • mammarosannamammarosanna Veterano Pro
    Pubblicazioni: 338
    Ciao @Krigerinne,
    Posso dire per esperienza di appartenere alla schiera di chi soffre di questa sindrome.
    Penso tuttavia che, se fosse vero che ti hanno presa per altri motivi che esulino dalla tua bravura, prima o poi questo verrebbe fuori...
    D'altro canto però bisogna anche prestare attenzione alle "profezie che si autoavverano"
    E quelle non dipendono dalla scarsa capacità ma dalle "errate convinzioni" che uno ha di sé stesso. A furia di crederci diventano poi realtà...
    MononokeHimeNemoEstherDonnelly
  • MononokeHimeMononokeHime Colonna
    Pubblicazioni: 1,669
    Oltre al fatto di aver ricevuto feedback contrastanti, a volte in antitesi, c’erano anche altri elementi che mi hanno fatta sentire sbagliata per molti anni (meltdown, shutdown, attacchi di panico, depressione, ecc), e come conseguenza avevo un’autostima che era rasente terra, se non addirittura sotto terra.
    Qualsiasi cosa facessi non era mai abbastanza, non era mai prova sufficiente, per me, delle mie abilità, della mia creatività, della mia intelligenza, delle mie capacità in generale (ovvero mi sentivo incapace e stupida).
    Non ero mai abbastanza. Non sapevo abbastanza. Non sapevo fare abbastanza. Non ero abbastanza forte. Non ero abbastanza “qualsiasi cosa”.
    E questo perché niente ne era oggettivamente prova, tutto era opinabile.
    Vivevo malissimo, perché non mi godevo il minimo traguardo raggiunto, sempre alla ricerca di altro, sempre a cercare di superare il mio limite. E quando la mia testa e il mio corpo reagivano “piantandosi” completamente, provavo odio nei miei confronti, disprezzo, perché la mia mente e il mio corpo non eseguivano la mia volontà.
    Ci fu un periodo in cui la mia ansia da prestazione era tale che ci fu bisogno di vietarmi perfino di fare lavoretti “(ri)creativi” e leggere. L’unica cosa che dovevo/potevo fare era reimparare a prendermi cura di me (alzarmi dal letto, lavarmi, mangiare).
    Nonostante tempo dopo mi si dicesse “Guarda cosa sei riuscita a fare, nonostante tutto quello che dici che hai di sbagliato. Guarda dove eri prima, e guarda dove sei adesso.”, talvolta non bastava, non era ancora comunque abbastanza.
    Nonostante tutti i passi avanti, tutti i progressi, tutte le cose fatte e raggiunte, nonostante tutto, in certi momenti della mia vita tornavo a non essere abbastanza.
    Anche diventare madre, per me, ad un certo punto, era diventato un pensiero spaventoso. Una cosa sempre desiderata, ma spaventosa. Quando rimasi incinta pensavo “E se nasce come me? Con tutti i miei problemi? Tutti i miei difetti? E se nascesse sana e io la rovinassi?”
    E invece è stata proprio mia figlia a farmi capire che non ero, forse, del tutto sbagliata. Con lei ero solo me stessa, ed ero abbastanza.
    Adesso so che vado bene così come sono, perché so di non essere sbagliata.
    Ma quel “fantasma” è ancora lì, ed è quello che mi fa mettere in discussione/dubbio qualsiasi mio pensiero, talvolta persino quello che provo.
    BlunotteKaliarondinella61LupamammarosannaNemoTat
    Che io abbia il corraggio di accettare le cose che non posso cambiare, la forza di cambiare le cose che posso cambiare, e la saggezza per poterle distinguere. (versione personale)
  • OrsoX2OrsoX2 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 860

    @Krigerinne sei in gambissima, e il fatto che tu abbia superato così facilmente le selezioni lo comprova.

    Il trucco Aspie per andare speditamente avanti è sfruttare la propria scarsa autostima per impegnarsi e imparare sempre di più. Logico, no? ;)  

    Questo è un modo per trasformare la bassa autostima in un vero "superpotere", che dura nel tempo (parola di 71enne): la più importante precauzione  per gestirlo è ricordarsi sempre di non sottovalutare né disprezzare coloro che ne sono privi ( ... che sono la maggioranza).

    In bocca al lupo!

    MononokeHimeBlunotteKaliarondinella61mammarosanna
    ("Caducità delle umane cose!" - considerazione indifferentemente attribuibile a Umani e Non)
  • Angel_aAngel_a Veterano
    Pubblicazioni: 156
    Non sentirsi mai abbastanza...eh.....io credo che moltissimi di noi sappiano di cosa parli. 
    Me compresa. Il fatto è che mi sono detta, almeno io , ora basta.
    Ho visto gente intorno a me saperne molto ma molto meno di me, ed andare avanti in virtu' di altre cose e di una notevole faccia di cu...
    E lo sai che c'è? Mi sono detta basta.
    Si, magari non sapro' tutto, ma sono competente abbastanza, quello che non so lo imparo e chi se ne frega!
    Poi non mi sono realizzata un granchè perchè carente di conoscenze e faccia di cu....ma almeno la sto smettendo di sminuirmi!!!  :)

    MononokeHimeNemoOrsoX2Tat
    " Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi....."
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online