Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Felicita' a scoppio ritardato

AdalgisaAdalgisa Andato
modificato June 2018 in Esplorare i sentimenti
Vi capita di vivere una particolare situazione ma rielaborare le sensazioni positive di quella situazione stessa solo il giorno dopo..a mente piu' fredda? Come se riusciste ad essere piu' felici nel ricordo che nel momento stesso?
AmelieMononokeHimeOrsoX2daddoneonero
Post edited by Adalgisa on
E' vero se è vero che è vero che..

che mi fa impazzire se penso che le cose che ho toccato insieme a te debbano svanire...dimmi che non è, dimmi che non è tutta un'illusione...un'illusione"

Commenti

  • ale82ale82 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 953
    Praticamente quasi sempre.
    tendo a "cristallizzare" le occasioni che mi procurano felicita, sul momento.
    È solo rielabolandole con calma che riesco a comprendere se e quanto,un determinato evento possa avermi resa felice.
    Credo che si tratti di un "elaborazione" molto accurata, laddove non c'è l'istinto immediato di comprendere cosa mi possa "emozionare".
    Amelierondinella61MononokeHimeSirAlphaexadaddo
  • OrsoX2OrsoX2 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 861
    Capita anche a me; come se la sensazione fosse più intensa e piacevole al momento del ricordo che non al momento in cui è stata percepita. Non mi chiedo quanto la mia interpretazione sia "tecnicamente" corretta, ma inquadro la cosa nella tendenza generale alla ruminazione, che abbiamo in molti. Il fatto di esserne consapevole alleggerisce molto il peso di questa specie di "rigurgito emotivo": diciamo che ogni tanto è presente, si affaccia, ma senza essere invadente. Mi può capitare anche di rivivere situazioni negative, seppure raramente.
    ("Caducità delle umane cose!" - considerazione indifferentemente attribuibile a Umani e Non)
  • pokepoke Andato
    Pubblicazioni: 1,721
    In una persona tendente alla razionalità può essere più frequente il vaglio delle emozioni, che transitano al setaccio della memoria ed alla comparazione dei risultati.
    Questo implica una maggiore probabilità a vivere queste emozioni in modo differito.
    Se poi aggiungi che la sorpresa (ed un'emozione in quanto fenomeno estemporaneo) può essere vissuto come dolore/paura, si capisce che diventa un meccanismo spontaneo.
    Da cui segue che pretendere che alcune menti vivano la felicità nell'immediato è una forma di violenza a tale natura.

    Si denigra questa modalità con termini dispregiativi, come "rimuginare", ma non ci rende conto del limite di tale pensiero diffuso.

    Il fatto di far prevalere la razionalità all'istinto non significa essere privi di emozioni, ed al contrario può condurre ad una felicità che prevede, nella sequenza di menti portate al controllo/programmazione:
    Felicità di attesa verso l'evento previsti
    Felicità di osservazione
    Felicità del dopo, nel ripensare e nel rianalizzare gli eventi.
    WBorg_AndatoOrsoX2MononokeHime
  • AdalgisaAdalgisa Andato
    Pubblicazioni: 1,793
    Esatto..la mia mente e' fin troppo razionale
    E' vero se è vero che è vero che..

    che mi fa impazzire se penso che le cose che ho toccato insieme a te debbano svanire...dimmi che non è, dimmi che non è tutta un'illusione...un'illusione"
  • CoxesenCoxesen Veterano
    Pubblicazioni: 220
    Per me è sempre così purtroppo. Non credo sia una chissà quale sorta di qualità. E' un difetto. Non vivi il momento. Non ti godi le cose più belle. Ti perdi il meglio. Non apprezzi tutto quello che puoi toccare con mano. E' sempre e solo "un'emozione" surrogata. Al contrario, come sostiene poke, sarebbe come sostenere che il sogno può sostituire la realta e può dare pari soddisfazioni. Balle. sforzati a vivere il momento. Quello che ti perdi non lo recuperi con i ricordi.

    Comunque se ti può consolare, io a 45 anni ancora non ci sono riuscito al 100%   
    Amelierondinella61
  • LupaLupa Veterano
    Pubblicazioni: 239
    Perdonate se riesumo questo post ma solo da poco mi sono decisa a scrivere sul forum.
    Mi ritrovo in ciò che ha scritto Coxesen. Non riuscire a vivere le emozioni nel momento stesso in cui dovrebbero emergere provoca la sensazione che manchi un pezzo a ciò che stai vivendo e rendersi conto delle proprie emozioni in differita non compensa.
    @Coxesen tu scrivi che ancora non sei riuscito al 100% a vivere il momento, ma immagino che anche se in misura minora tu ora ci riesca. Come?
  • emmanuelemmanuel Membro
    Pubblicazioni: 10
    Beh si, e sono sempre sensazioni più intense rispetto al momento nel quale le vivo...
  • MileleMilele Membro
    Pubblicazioni: 16
    Cito Lupa ed Emmanuel. Le comprendo e sento molto dopo. Quelle negative o della tristezza peggio ancora. Finisce che do di stomaco e non dormo tutta la notte.
  • forzadeltassoforzadeltasso Membro
    Pubblicazioni: 50
    Sì, mi capita abbastanza spesso...a volte ci vuole un po' perché la mente "realizzi" davvero quanto è successo...
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online